Mathias Doepfner (Foto Ansa)

Tagli in redazione per la Bild. L’editore Axel Springer: ruoli sostituiti dall’AI

Condividi

L’annuncio in una mail dell’editore. Che profetizza: “non ci saranno più alcune funzioni come esistono oggi”

La Bild, il giornale più venduto in Europa, si prepara a sostituire alcune figure all’interno delle redazioni con l’intelligenza artificiale.

Tagli e riorganizzazioni alla Bild

La comunicazione arriva direttamente dall’editore, il colosso dei media tedeschi Axel Springer, e si inserisce in un piano di riduzione dei costi per la testata, che porterà – oltre che alla riorganizzazione delle edizioni regionali che stampa, ridotte da 18 a 12 – anche a centinaia di licenziamenti.
Nessuna cifra precisa, ma secondo le ipotesi della Faz, Frankfurter Allgemeine Zeitung – che ha pubblicato il testo – i tagli potrebbero coinvolgere 200 dipendenti.
Il giornale “sfortunatamente si separerà dai colleghi che hanno compiti che nel mondo digitale sono eseguiti dall’intelligenza artificiale e o da pai processi automatizzati”, ha scritto il management nel messaggio. Citando esplicitamente ruoli come quelli di caporedattore, impaginatore, correttore di bozze, segretariato e editor fotografici “che non ci saranno più come sono oggi”.
Misure simili poi potrebbero essere poi estese anche all’atra testata di riferimento del gruppo, Di Welt.

La “profezia” di Doepfner

Non è la prima volta che in Axel Springer si parla di un coinvolgimento così diretto dell’intelligenza artificiale. A marzo il ceo Mathias Doepfner, all’indomani dell’annuncio di un piano di interventi che faceva del digitale il cardine centrale del gruppo, aveva parlato di quanto il mondo del giornalismo sarebbe stato profondamente cambiato dallo sviluppo della nuova tecnologia.
“L’intelligenza artificiale ha il potenziale per migliorare il giornalismo indipendente – o semplicemente sostituirlo”, aveva detto il manager. “Comprendere questo cambiamento è essenziale”, aveva precisato, indicando proprio nella qualità dei contenuti una chiave di sopravvivenza.