Pirateria e sport: persi 24 milioni al mese. Dazn e Sky: rapidi interventi di contrasto

Condividi

Nel giro di pochi anni è aumentata l’incidenza della pirateria sugli eventi sportivi live. Un trend che non può che mettere in allarme i broadcaster, detentori dei diritti di trasmissione, portandoli a chiedere più tutele e interventi da parte delle istituzioni.
Protagonisti di questo appello – l’ultimo in ordine di tempo – Stefano Azzi, al vertice di Dazn in Italia, e Andrea Duilio, ceo di Sky, intervenendo agli stati generali della pirateria organizzati da Fapav.

Azzi (Dazn): persi 800 mila euro al giorno

Azzi nel suo intervento è partito da un dato economico. “Parliamo di un fenomeno criminale che sottrae al nostro settore più di 800 mila euro al giorno, oltre 24 milioni di euro ogni mese”, ha detto, riferendosi all’impatto sul mondo dello sport.

“Sebbene lo sport sia stabile al quarto posto nella classifica dei contenuti più piratati, dopo film, serie tv e programmi, gli eventi sportivi live continuano a far registrare, dal 2017, una crescita continua in termini di atti di pirateria commessi: 41 milioni solo nel 2022”, ha evidenziato il manager. Guardando anche al fatto che in molti considerano “la pirateria è un fatto socialmente accettato”.
“Non possiamo far affidamento al solo buon senso. Il lavoro fatto ad oggi dal Governo è stato importante, le cifre che vengono sottratte ogni giorno al sistema sportivo ci dicono quanto sia necessario che il disegno di legge venga approvato in tempi brevi, auspicabilmente entro l’inizio della nuova stagione sportiva”, ha concluso.

Duilio (Sky): interventi in tempo reale contro la pirateria

Anche Duilio, ad di Sky, ha condiviso l’esigenza di interventi legislativi rapidi. “È fondamentale che l’iter parlamentare della legge contro la pirateria in discussione al Senato proceda spedito”, ha detto. “Intervenire in tempo reale è cruciale in questa battaglia, soprattutto quando il contenuto piratato è un evento sportivo live. Uno schermo che si oscura mentre si guarda la propria squadra penso sia il modo più efficace per dimostrare e far comprendere che non c’è alternativa alla legalità”.
“Il mio auspicio è che la legge venga approvata prima dell’estate”, ha concluso.