La Serie A trova la quadra per i diritti tv. Lunedì in Lega la verifica

Condividi

Terminati i processi negoziali più complicati della storia dei diritti tv della nostra massima serie. Trattativa fiume di 15 ore per trovare la soluzione sostenibile per tutti, ma sarebbe un record l’assegnazione decisa con più di un anno di anticipo. Riscritti i pacchetti, le ultime buste di Dazn, Sky e Mediaset sono attese per lunedì mattina, mentre l’assemblea dei presidenti deciderà al pomeriggio

C’è la ‘quadra’ che ‘salva’ i destini economici immediati e futuri della Serie A. Un abbozzo di accordo sui diritti tv del calcio, con un’equa ripartizione tra gli attori.

Un week end molto operoso, ma sostanzialmente sereno si prefigura così per la squadra della Lega Calcio. Ieri all’Hotel Parigi di Milano è stata una giornata di lunghe trattative tra la compagine negoziale della Lega e quelle degli operatori rimasti in ballo nella gara per i diritti tv della Serie A.

Stefano Azzi e Andrea Duilio

L’ultimo round di discussione e confronto è finito dopo l’una di notte, completandosi così la quindicesima ora di trattativa. Le ultime rifiniture, a quanto pare, hanno riguardato i desiderata e le offerte di Sky e Dazn, mentre già prima dell’ora di cena si era chiarito quale potesse essere la posizione di Mediaset.

Stamane (30 giugno) in Lega a Milano si riscrivono i pacchetti e questa ridefinizione, con una ventina di esperti impegnati, avviene ovviamente alla luce di quanto emerso nel corso della trattativa fiume con i tre interlocutori interessati. Non è ancora stabilito quando questi saranno pubblicati nella nuova versione, ma sarà interessante dargli un’occhiata.

Serie A fiduciosa sull’esito

 Già dal loro impianto si potrà dedurre se e come è stata trovata una mediazione convincente tra venditore e compratori. E se si è, cioè, raggiunta quella soglia dei 900 milioni di ricavi potenziali che stamane il Corsera di Urbano Cairo indicava come il punto di equilibrio possibile per tutti gli attori del sistema impegnati a trovare un accordo soddisfacente e sostenibile. Formalmente le tv hanno tempo fino a lunedì mattina per presentare le offerte sui nuovi pacchetti. E poi lunedì pomeriggio l’assemblea, dopo l’apertura delle buste analizzerà e voterà sulle offerte arrivate.