OpenAI sbarca a Londra e apre la prima sede fuori dall’America

Condividi

Paluso del governo inglese che legge la decisione come un “segno di fiducia” nei confronti del paese

OpenAI prende casa a Londra. La scoietà creatrice di ChatGpt, ha annunciato infatti l’apertura nella City della sua prima sede al di fuori degli Stati Uniti.

Per la società di software di San Francisco, spiega Ansa, l’approdo nella capitale britannica rientra nei suoi piani di espansione per il futuro.

Il plauso inglese

La decisione è stata accolta molto positivamente dal governo conservatore di Rishi Sunak. Secondo la ministra della Scienza e la Tecnologia Chloe Smith, la decisione rappresenta un segnale di fiducia nella Gran Bretagna “come potenza dell’IA”. “Il nostro settore dell’intelligenza artificiale impiega già più di 50.000 persone in tutto il Paese”, ha affermato ancora la ministra.

Molto sensibile sul tema AI anche lo stesso premier. Sunak recentemente ha detto di voler organizzare entro la fine dell’anno il primo vertice mondiale dedicato alla nuova tecnologia per meglio comprenderne potenzialità e rischi, e nelle scorse settimane ha accolto a Downing Street i vertici di OpenAI, Google DeepMind e Anthropic.