Sabato, domenica e lunedì. In festival e in musica

Condividi

Silvio Orlando nell’ultimo weekend del Festival di Spoleto. Rita Pavone di ritorno in musica a Milano. Mika e Gianni Morandi in tour estivo. Il jazz degli Accordi e disaccordi.

Silvio Orlando

Ultimo weekend a Spoleto

Chiude questo fine settimana il Festival dei due mondi. Lo fa con Silvio Orlando, in scena fino a sabato al Teatro Caio Melisso Spazio Carla Fendi con ‘Ciarlatani’. Lo spettacolo, tratto da ‘Los Farsantes’ dello spagnolo Pablo Remón, è una satira dentro e fuori il mondo del teatro e dell’audiovisivo. Assieme a Orlando, che continua ad alternare teatro e cinema e che quest’anno è stato protagonista del ‘Sol dell’avvenire’, recitano Francesco Brandi e Blu Yoshimi (entrambi con lui nel film di Moretti), e Francesca Botti. Domenica, in chiusura di questa 66esima edizione del Festival di Spoleto, il grande concerto in piazza Duomo dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia, direttore Antonio Pappano.

Milka

Un fior di Mika

Sei concerti, ognuno con una propria scaletta adatta all’occasione. Mika si esibisce nei festival dell’estate. Partenza sabato dall‘Arena della Regina a Cattolica, poi ci saranno Umbria Jazz, quindi il Marostica Summer Festival, e via fino a fine luglio. Il tour trae ispirazione da un augurio: ‘May your head always bloom’ (Che tu possa fiorire sempre), e infatti ogni sera la scena sarà ricoperta di fiori, con un grande pianoforte dalle zampe di leone.

Lidia Schillaci

E se è una femmina la chiameremo…

Ospite domenica al Teatro antico di Taormina per i Nations Award, Lidia Schillaci porta in tour ‘Futura. Donne per Lucio’. Lo spettacolo è un omaggio, nell’anno in cui avrebbe compiuto gli 80, a Lucio Dalla. Omaggio tutto al femminile: con la cantautrice, in scena anche la Women Orchestra, composta da 16 donne. Dice Lidia: “Il primo obiettivo del mio recital è raccontare la libertà d’espressione che Dalla aveva voluto sempre rivendicare. Il secondo è puntare un faro su tutto ciò che la donna rappresenta nella società”.

Marionette, che passione

Per bambini ma non solo. Fino a domenica, al Piccolo Teatro Grassi di Milano, tornano le marionette di Carlo Colla & figli, con ‘Il mostro turchino’, riduzione della fiaba di Carlo Gozzi. Quella dei Colla, nata oltre due secoli fa e dotata di un archivio storico con oltre 30.000 pezzi che risalgono anche a fine Seicento, è la più grande e antica compagnia di marionette esistente al mondo. Con un repertorio che va dall’opera lirica al balletto, dalla fiaba alla commedia.

Rita Pavone

L’estate della Zanzara

‘Un piede nel passato e lo sguardo dritto e aperto nel futuro’: il titolo è tratto da Pierangelo Bertoli e dal suo ‘A muso duro’. Rita Pavone lo ha scelto per tornare dopo anni di assenza dai palcoscenici. Il tour estivo domenica arriva al Castello sforzesco di Milano, e lunedì sarà a Salsomaggiore Terme. “Io adoro mettermi in gioco! Mi piace spiazzare il pubblico, dargli quei brani che ha amato e che si aspetta di ascoltare, però alternandoli ad altri che non si aspetterebbe di sentire interpretare da me”, anticipa la cantante. Che con l’occasione festeggia 60 anni di carriera e rende omaggio a Bertoli, scomparso nel 2002.

Accordi e disaccordi (foto Gabriella Di Muro)

All that jazz in Umbria

Fino al 16/7, nel corso dello storico, Umbria Jazz il trio Accordi e disaccordi si esibisce come resident band. I tre – Alessandro di Virgilio, Dario Berlucchi e Dario Scopesi – presentano due appuntamenti quotidiani. Nel live giornaliero alternano musiche acustiche dal gusto cinematografico ad attitudini virtuosistiche, mentre la sera allestiscono uno show arricchito da sonorità elettroniche.

Alessandro Bergonzoni

Mettere a Terra qualche pensiero

Lunedì, al Teatro Grassi di Milano, nell’ambito della Milanesiana diretta da Elisabetta Sgarbi, si esibisce Alessandro Bergonzoni. L’attore e comico, mago dei giochi linguistici, presenta la performance ‘Terra: terrà? (lettura dell’acqua, della luce, del gas, del fuoco, dei venti, e anche di più)’: pensieri ‘letterari’ che non vogliono presentarsi solo come una denuncia politica. Ma sognano di essere un ritorno al bene e alla bellezza.

Gianni Morandi (foto Virginia Bettoja)

(Non) c’era un ragazzo che come lui…

Si avvicina agli 80 e ha già superato i 60 di carriera. Ma Gianni Morandi, come si è visto anche all’ultimo Sanremo, non intende chiudere con la musica. Anzi. E’ appena ripartito con il tour ‘Go Gianni Go!’, che lunedì lo porta all’Arena Campo di Marte di Brescia e con cui girerà l’Italia fino all’inizio di settembre. In scaletta, brani di ieri e di oggi, compresi alcuni del nuovo progetto discografico ‘Evviva!’.