BAT Italia: de Petris nominato ad, Bertolini presidente

Condividi

Bat ridisegna i vertici della sua divisione italiana. La società, con un portafoglio prodotti multi-category nel
settore del tabacco, il 10 luglio 2023, ha annunciato la nomina di Fabio de Petris (nella foto a sinistra) alla carica di amministratore delegato di BAT Italia, e di Alessandro Bertolini come presidente.

La carriera di de Petris

De Petris, napoletano, 50 anni, laurea in Economia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, è entrato in BAT nel 2011 come trade marketing & distribution regional manager per il Centro Italia, portando in azienda l’esperienza FMCG (Fast Moving Consumer Goods) maturata nelle posizioni ricoperte in precedenza in Colgate Palmolive e SABMiller.
Nel corso degli anni de Petris ha ricoperto posizioni di crescente responsabilità, prima come direttore vendite per BAT Italia e successivamente come senior international brand manager per Lucky Strike & Rothmans, con la responsabilità globale di ‘Lucky Strike Black Series’ e dello sviluppo di prodotto della marca.
In questo ruolo ha gestito anche le strategie di Lucky Strike e Rothmans nelle Americhe per 2 anni e, successivamente, nei mercati di Asia Pacific Middle East.
A settembre 2018 la nomina a direttore marketing del cluster BAT Turchia, Caucaso e Nord Africa per poi diventare, a dicembre 2019, country manager Italia fino all’attuale nomina ad amministratore delegato di BAT Italia.

Ora, sotto la sua guida, la società continuerà a perseguire la strategia A Better Tomorrow, riducendo l’impatto della propria attività sulla salute e sull’ambiente.

La presidenza a Bertolini

Per il ruolo di presidente, Bat Italia ha scelto Bertolini. Laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Bologna con un Master in legge presso la Paul M. Hebert Law School della Louisiana State University, Baton Rouge (USA), il manager è entrato in BAT Italia nel 2011 come direttore degli Affari Legali, dopo aver maturato 20 anni di esperienze di elevato livello come General Counsel per diverse multinazionali italiane quali Fata Group, Piaggio e Tecnimont.
Prima di ricoprire la carica di presidente, è stato direttore affari legali e relazioni esterne e vicepresidente di BAT Italia.

Le nomine a Bat Trieste

Contestulamente, è stata comunicata anche la nuova governance di BAT Trieste, società che gestisce l’Innovation Hub: Andrea Di Paolo assume la carica di presidente e Alberto Prudente il nuovo ruolo di amministratore delegato.

Le strategie dell’azienda in Italia

Le nomine, spiega l’azienda, ne rafforzano la connotazione di impresa dai fondamenti italiani ma dal respiro internazionale.

L’Italia è al centro della strategia ESG e di crescita globale di BAT: solo nel 2022 l’azienda ha investito 30 milioni di euro per l’acquisto di 7.000 tonnellate di tabacchi italiani di alta qualità, supportando 400
aziende e 6.000 addetti.
Inoltre, con il progetto ‘A Better Tomorrow™ Innovation Hub’, ha in programma di creare circa 2.700 futuri posti di lavoro stimati tra diretti e indiretti, investendo fino a 500 milioni di euro in 5 anni.