L’impegno concreto di Monrif a sostegno delle terre alluvionate

Condividi

A due mesi dall’alluvione che ha devastato parte dell’Emilia-Romagna, delle Marche e della Toscana è tempo di rendicontare ai lettori la destinazione dei fondi raccolti attraverso due importanti iniziative promosse dal Gruppo Monrif: la sottoscrizione attivata da QN QUOTIDIANO NAZIONALE, IL RESTO DEL CARLINO, LA NAZIONE e IL GIORNO e la partecipazione all’organizzazione, insieme a UNIPOL ARENA e LAVORO PIU’, del concerto benefico OLTRE LE NUVOLE.

Uno sforzo che ha raccolto 403.084,98 euro grazie alla generosità di lettori, associazioni e imprese e che saranno destinati a coprire esigenze specifiche. In particolare:

  • per realizzare un intervento importante nel Comune Dovadola per proteggere dalle frane la frazione di Le Trove;
  • per gli interventi di ripristino strutturale, intonaco, battiscopa e palestre in quattro scuole di Lugo: Scuola Codazzi, Scuola Garibaldi, Scuola Filastrocca e asilo nido Corelli;
  • per il recupero di Palazzo Laderchi, complesso storico nel centro di Faenza e casa di molte associazioni culturali, sociali e sportive della città. L’amministrazione ha deciso di affidare ai giovani il piano interrato, completamente allagato e distrutto, per la realizzazione di uno spazio aggregativo e culturale. Il Comune di Faenza è uno dei luoghi simbolo dell’alluvione al quale è stato dedicato il libro QUELLO CHE ABBIAMO PERDUTO. QUELLO CHE ABBIAMO SALVATO. scritto da Maurizio Maggiani e Nicoletta Valla, realizzato grazie al sostegno di Banca IFIS, in vendita abbinata in edicola con i quotidiani del Gruppo Monrif. In questo progetto confluiranno anche tutti i proventi delle vendite del libro, in edicola con la seconda edizione ancora per poche settimane.