Il numero degli utenti social si avvicina a quello di chi naviga su internet

Condividi

Secondo i dati di Kepios 5,1 miliardi di persone sono connesse alla rete, mentre sale a 4,8 miliardi il numero di chi frequenta i social

Il numero di persone che naviga sui social si avvicina a quello degli internauti. E’ l’evidenza che emerge da uno studio di Kepios, ripreso da Ansa.

Stando ai numeri, il 64,5% della popolazione mondiale – che secondo una stima ufficiale delle Nazioni Unite all’inizio del 2023 ha raggiunto 8,01 miliardi di individui – utilizza Internet globalmente, circa 5,19 miliardi. In tutto poco più del 60,6% è attivo sulle piattaforme, per un totale di 4,88 miliardi.
Ma mentre gli utenti dei social crescono, del 3,7% nell’ultimo anno, l’aumento degli internauti è rimasto al di sotto dell’1%, effetto del rallentamento post pandemia dopo che il Covid-19 aveva dato una spinta all’online, con lo smart working e la didattica a distanza.

Le aree di maggiore crescita

Sull’uso dei social media ci sono grandi differenze tra le diverse aree del mondo. Ad esempio, solo una persona su 11 nell’Africa orientale e centrale utilizza i social media (un’area dove è bassa anche la diffusione di Internet). In India, tra le nazioni più popolose del mondo, la cifra è di uno su tre.

Tempo speso

Cresce ovviamente anche il tempo speso sui canali social. Per la ricerca, è aumentata di due minuti la quantità di tempo trascorso, arrivando ad una media di 2 ore e 26 minuti al giorno.
Anche in questo caso ci sono grandi disparità, con i brasiliani che trascorrono in media 3 ore e 49 minuti al giorno sui social mentre i giapponesi meno di un’ora.

Più della metà (53,6%) degli utenti globali dei social network sono uomini, rileva inoltre il rapporto, che riconosce tuttavia una certa inesattezza dovuta in particolare alle persone registrate con identità diverse o agli account automatizzati, i cosidetti bot, una piaga di tutte le piattaforme.

In media sette social

Gli utenti dei social network frequentano in media più di sette piattaforme.
Meta, di proprietà di Mark Zuckerberg, possiede tre delle app preferite dagli utenti e sono WhatsApp, Instagram e Facebook.
La Cina ha tre app WeChat, TikTok e la sua versione locale che si chiama Douyin. Twitter, Messenger e Telegram completano la lista delle piattaforme più seguite.

Nonostante il moltiplicarsi delle bacheche virtuali l’intera rete dei social network sembra però poggiare sul modello matematico del ‘piccolo mondo’.
Una recente ricerca pubblicata su Physical Review X ha dimostrato infatti che su queste piattaforme vale la teoria dei sei gradi di separazione elaborata nel 1967 dallo psicologo americano Stanley Milgram, per cui bastano sei passi virtuali per raggiungere una persona.