L’Antitrust Ue apre un’indagine contro Microsoft per Teams

Condividi

Come anticipato dal Financial Times, l’antitrust della Commissione europea ha annunciato l’apertura di un’indagine formale nei confronti di Microsoft per il sospetto di abuso di posizione dominate relativamente al servizio di videoconferenza Teams abbinato a Office 365 e Microsoft 365.

“La Commissione è preoccupata dal vantaggio competitivo che Microsoft potrebbe dare a Teams” negando di fatto ai suoi clienti un’adeguata possibilità di scelta sul servizio di cui usufruire, la spiegazione dell’authority in una nota.

Trattative in stallo

La mossa di Bruxelles, rileva Ansa, fa seguito allo stallo nelle trattative aperte già da tempo affinchè il gigante tecnologico statunitense mettesse fine alla pratica di forzare i clienti Office a installare automaticamente Teams sui loro dispositivi.
Un dossier che ha preso lo mosse dalla denuncia presentata dalla concorrente Slack Technologies nel 2020.

I servizi della Commissione procederanno ora a condurre un’inchiesta approfondita per verificare se ci siano i presupposti per una violazione dell’articolo 102 del Trattato Ue che proibisce l’abuso di posizione dominante all’interno dell’Unione.