WhatsApp prepara “passkey”, accesso con lettura di viso e impronte

Condividi

WhatsApp ha reso disponibile un nuovo aggiornamento dell’app per Android, agli aderenti al programma di anteprima, con cui introduce l’utilizzo delle passkey.

Si tratta della possibilità di impostare un blocco all’accesso delle chat senza però la necessità di inserire un codice alfanumerico registrato in precedenza. Lo sblocco avviene sfruttando lo stesso metodo di accesso allo smartphone, che si tratti della scansione del volto o dell’impronta digitale.

Attualmente, si può già creare un codice che l’app richiede periodicamente per leggere le conversazioni ma solo in forma numerica.

Il sito Wabetainfo ha individuato la novità nel codice beta dell’applicazione, al momento solo nella versione per Android. “Una passkey è una breve sequenza di numeri o caratteri utilizzati per autenticare l’identità e funge da forma di codice di sicurezza per garantire che solo i dispositivi approvati possano essere autenticati”, si legge sul sito.

“Non è necessario ricordare una passkey, poiché è archiviata in modo sicuro in Google Password Manager. WhatsApp ha in programma di supportare questa tecnologia ai fini della verifica dell’account. Poiché la passkey utilizzerà l’impronta digitale, il viso o il blocco dello schermo per verificare l’identità, l’aggiornamento migliora decisamente la sicurezza, aggiungendo un ulteriore livello di protezione oltre ai metodi tradizionali come i pin numerici. Inoltre, l’archiviazione sicura delle passkey in Google Password Manager garantisce un comodo accesso pur mantenendo solide protezioni contro le intrusioni”.

Nei giorni scorsi, WhatsApp ha avviato il rilascio per tutti i suoi principali mercati, Italia inclusa, della funzione di condivisione dello schermo durante le videochiamate.