La finale degli US Open al 4% su SuperTennis. Tanti big spender in campo

Condividi

Prova del nove – anche commerciale – per SuperTennis, che con la finale degli US Open ha testato la propria capacità di agire in autonomia sul terreno dei diritti tv che contano, scegliendo di detenere l’esclusiva e trasmettere in chiaro l’ultimo slam della stagione.

Quasi un record per SuperTennis, che qualche mese fa ha scelto con coraggio di mantenere l’esclusiva sui diritti tv degli US Open, prevedendo comunque la trasmissione in chiaro della manifestazione – oltre che sui propri canali, in primis quello lineare sulla posizione numero 64 del digitale terrestre – anche sull’opzione posta al numero 212 della piattaforma di Sky.

La bellissima finale del torneo vinta da Novak Djokovic, che così ha portato a casa il ventiquattresimo slam della sua inimitabile carriera, ha conseguito un buon risultato di audience. L’incontro vinto in tre set molto combattuti e spettacolari dal campione serbo alle prese con il coriaceo Danil Medvedev ha avuto quasi mezzo milione di spettatori a cavallo delle 23.00.

In termini complessivi il match ha radunato una audience media di 350mila individui con lo share del 4%, per una copertura di oltre 1,1 milioni di spettatori unici. L’incontro ha un poco pagato dazio alla programmazione nelle ore notturne, ma è stato estremamente godibile.

Impaginazione degli spot rispettosa

A curare la raccolta pubblicitaria di SuperTennis è la concessionaria di pubblicità Sportnetwork. L’amministratore delegato Aldo Reali si dichiara a Prima particolarmente soddisfatto dell’iniziativa. E sottolinea innanzitutto il valore particolare del pubblico raggiunto: “Gli appassionati di tennis nel nostro Paese sono circa 5,4 milioni, soprattutto adulti scolarizzati e alto spendenti, e il 77% di essi identifica la tv il mezzo leader per seguire incontri di tennis. Vale la pena così ribadire che a guardare la finale è stata un’audience molto precisa e selezionata e che per molte marche si è trattata di una opportunità speciale per raggiungere i propri target senza dispersioni”.

Reali è soddisfatto della risposta del mercato. “Siamo riusciti a valorizzare bene il prodotto” commenta. “Abbiamo raccolto alcune centinaia di migliaia di euro da un numero di spender veramente importante se consideriamo tutto l’arco del torneo. Gli inserzionisti da un lato, ma anche gli spettatori, la Federazione e Supertennis dall’altro, hanno apprezzato l’impaginazione pulita e corretta degli spazi, molto rispettosa della qualità di un evento così premium”.  Sponsor Rolex, per quello che riguarda la finale, Prima ha riscontrato – tra le altre – le presenze degli spot Fastweb, McDonald, Jaguar, Perfetti, Unipol, Vodafone, Mediolanum, Volkswagen.  

Un quinquennale su cui riflettere…

Alcuni mesi fa Sportcast, la società del Gruppo FITP che gestisce il canale tv SuperTennis, aveva comunicato di aver raggiunto con la collaborazione di IMG un accordo quinquennale con la United States Tennis Association per acquistare in esclusiva tutti i diritti media degli US Open. Così dopo 34anni di emissioni del torneo solo pay, gli US Open sono tornati in chiaro su SuperTennis, mentre, in aggiunta, la piattaforma digitale SuperTenniX ha offerto ai tesserati FITP e ai propri abbonati la possibilità di vedere tutte le partite del torneo in streaming.

Il presidente della Fitp Angelo Binaghi

E gli italiani devono fare meglio…

Al momento di firmare l’accordo la federazione di cui è presidente Angelo Binaghi, contava probabilmente su un cammino più lungo degli italiani nel torneo. La nostra compagine, invece, che al momento della firma potenzialmente annoverava – tra i possibili protagonisti della manifestazione, oltre a Jannik Sinner e Matteo Arnaldi, usciti agli ottavi, anche Lorenzo Sonego, Lorenzo Musetti, Matteo Berrettini e Fabio Fognini, non sta rispondendo alle attese più ottimistiche. Gli incontri degli italiani e la finale sono stati visibili sul canale lineare presente anche sulla piattaforma Sky, mentre fino a 9 campi al giorno sono stati contemporaneamente coperti live da SuperTenniX.