Soldi (Rai): No al tetto compensi per manager; nessun conflitto per Bbc

Condividi

“Sì, oggi servono competenze difficili da reperire sul mercato. È giusto premiare chi fa bene, ma anche facilitare un ricambio se necessario. Ed essere trasparenti: alla Bbc si documenta pubblicamente ogni spesa. Per lo stesso motivo renderei pubblici i compensi dei talent”.

Così la presidente della Rai, Marinella Soldi, in un’intervista al Corriere della Sera risponde alla domanda se toglierebbe il tetto ai compensi per i manager Rai. Soldi, recentemente nominata nel consiglio d’amministrazione della Bbc, chiarisce che in questo nuovo incarico non c’è conflitto di interessi con il suo ruolo in Viale Mazzini: “Rai e Bbc l’hanno verificato da subito. Non c’è perché operiamo in due mercati diversi, in lingue diverse. Non c’è competizione”. E spiega che nella tv britannica è “uno dei dieci consiglieri non esecutivi, cioè delibero ma non eseguo le decisioni. La gestione è affidata ai quattro membri esecutivi, tra cui il direttore generale”. Il compenso? “Otto sedute annue per 33 mila sterline. Poco meno di 40 mila euro”.