Auditel cambia fornitore tecnico. Sindacati in allarme

Condividi

Auditel ha cambiato fornitore tecnico, passando da Nielsen Media Italy a Covercare e i sindacati denunciano il rischio di esuberi.

Lo si legge in una nota – ripresa da Ansa – in cui viene indicato che il nuovo assegnatario “non ha intenzione di riassorbire in toto i 56 lavoratori” finora attivi. Una decisione che, oltre tutto, “mette a rischio la qualità del servizio di rilevazione dei dati”. Poiché Auditel “in qualità di committente, non sta prendendo posizione a tutela delle persone che per decenni hanno garantito qualità ed efficienza al servizio”, la Filcams-Cgil e la Fisascat-Cisl di Milano chiedono “l’immediato e netto intervento di Auditel, che finora ha rifiutato qualsiasi dialogo”. “Come rappresentanti dei lavoratori e delle lavoratrici – spiegano – non ci fermeremo finché non verrà tutelata la totalità dell’occupazione”. Per fare pressioni sull’azienda specializzata nella rilevazione dei dati di ascolto audio e video i sindacati confederali di categoria hanno organizzato un presidio per giovedì 21 settembre dalle 10 sotto la sede di via Larga a Milano.