Audicom-Audipress 2023/II: settore stabile. I lettori digitali superano i 7 milioni

Condividi

Dai dati dell’ultima rilevazione emerge il radicamento del digitale nelle abitudini di lettura. Soprattutto per i quotidiani

Sono 31,9 milioni gli individui in Italia che hanno letto o sfogliato un titolo stampa su carta e/o digitale replica, pari al 61,1% della popolazione dai 14 anni in su.
A segnalarlo i nuovi dati sistema Audipress 2023/II, che coprono l’anno mobile da settembre 2022 a luglio 2023, approvati dal Consiglio di Amministrazione di Audicom, la società nata dalla fusione tra Audiweb e Audipress.

Sistema-Audipress-2023_II_scenario

Trend stabile

I numeri fotograno un comparto solido, a fronte di un’offerta editoriale di qualità che continua a mantenere una base consistente di lettori, nonostante i profondi cambiamenti degli ultimi anni.

Entrando nel dettaglio, secondo l’analisi, rispetto all’edizione precedente, il dato complessivo riferito ai lettori stampa negli ultimi 30 giorni registra un trend sostanzialmente stabile, con una variazione del +0,6%, a parità di testate rilevate.

Si consolida il digitale

Le copie replica (formato digitale) raggiungono 7,1 milioni di lettori complessivi, in crescita dell’1,3% a conferma dell’andamento positivo e costante iniziato nel periodo pandemico.
La variazione più significativa si registra per le copie replica dei Quotidiani, con 2 milioni 462 mila
Lettori (+1,6% rispetto alla rilevazione precedente).

Il formato digitale è ormai radicato nelle abitudini di fruizione di un segmento stabile e fedele di lettori, rimarca l’analisi Audicom, guardando anche alla rilevazione precedente.
Il fenomeno è esploso a partire dai dati della rilevazione effettuata in pieno periodo pandemico (2020/III), in cui si registravano 3,2 milioni di Lettori copia replica, cresciuti in modo clamoroso rispetto all’edizione precedente (2019/III) che vedeva solo 1,5 milioni di lettori.

Lettori e formati

Entrando nel dettaglio dei formati e delle modalità di lettura delle testate in rilevazione, risulta che i Quotidiani si attestano a 11,7 milioni di lettori su carta e/o digitale replica nel giorno medio (il 22,5% della popolazione dai 14 anni in su), generando 17 milioni 140 mila letture nel giorno medio.
La composizione dei Lettori dei Quotidiani vede in prima linea gli uomini, che rappresentano il 61,3% della quota di lettori di almeno un quotidiano in un giorno medio, gli individui di 55 anni e oltre (il 48,1% dei casi) e quelli con istruzione di livello superiore (il 61,9% dei casi tra diplomati e laureati).

Per quanto riguarda i Settimanali, sono 8,6 milioni i lettori su carta e/o digitale replica nell’ultima settimana (il 16,6% della popolazione dai 14 anni in su), per un totale di 13 milioni 83 mila letture nell’ultimo periodo.
Il lettorato degli ultimi sette giorni per i Settimanali rilevati è prevalentemente femminile (68,3%), nella fascia di età di 55 anni e oltre (49,7%) e con almeno un diploma di scuola media e superiore (71,9%).

Anche i Mensili rilevati presentano dati stabili, con 8,1 milioni di lettori su carta e/o digitale replica di almeno una testata di questa categoria negli ultimi 30 giorni (il 15,6% della popolazione di 14 anni e oltre), 12 milioni 238 mila letture Mensili nell’ultimo periodo e una composizione sociodemografica omogenea tra i differenti segmenti della popolazione.

Grazie alla peculiarità di gran parte di questo tipo di testate, dedicate a interessi e passioni specifici i
cui contenuti riescono a raggiungere una copertura più variegata, i lettori di Mensili sono nel 56% dei
casi donne e nel 44% uomini, nel 30,9% di età compresa tra i 14 e i 34 anni, nel 36,7% tra i 35 e i 54
anni e nel 32,4% di 55 anni e oltre e, per quanto il titolo di studio del lettorato, nel 45,2% sono
diplomati di scuola media superiore.

Numeri in positivo

Analizzando i dati sulle abitudini di consumo, restano confermati gli indici positivi di frequenza per tutti i comparti rilevati: per i Quotidiani, con il 59,8% dei Lettori negli ultimi 3 mesi che hanno letto almeno una testata da 4 a 7 giorni a settimana; per i Settimanali, con il 45% dei Lettori che hanno letto da 9 a 12 numeri; per i Mensili, con il 43,5% dei Lettori che ha letto da 4 a 8 numeri in 12 mesi.

Anche i dati sulla fonte di provenienza della copia letta evidenziano una continuità nella volontà d’acquisto: il 61,3% dei lettori di Quotidiani ha letto almeno una testata acquistata personalmente e/o da un familiare o in abbonamento, il 76,1% nel caso dei Settimanali e il 73,7% nel caso dei Mensili.


I dati sistema Audipress 2023/II sono il risultato dell’indagine ufficiale che monitora in maniera continuativa le abitudini di lettura e la fruizione delle principali testate italiane.
Per questa pubblicazione sono state realizzate 32.780 interviste con il sistema misto CAPI Doppio Schermo/CAWI, lungo un calendario di rilevazione di 34 settimane complessive dal 12 settembre 2022 al 16 luglio 2023, su un campione rappresentativo della popolazione italiana di 14 anni e oltre.

Gli Istituti esecutori del field sono Doxa e Ipsos; il disegno del campione e l’elaborazione dei dati sono stati effettuati da Doxa; i controlli sono a cura di Reply. Ulteriori elaborazioni da nastro di pianificazione sono effettuate da Media Consultants, MediaSoft, Memis e Nielsen. Per i dati completi e ulteriori dettagli metodologici si rimanda al sito www.audipress.it.