Al Mia nasce New8, alleanza tra 8 emittenti del servizio pubblico del nord Europa

Condividi

Germania, Olanda, Belgio, Svezia, Danimarca, Finlandia, Islanda e Norvegia i paesi coinvolti

Si chiama New8 e riunisce otto emittenti del servizio pubblico europeo nord-occidentale. E’ la nuova collaborazione internazionale presentata al Mia. Ne fanno parte ZDF (Germania), NPO (Paesi Bassi), VRT (Belgio), SVT (Svezia), DR (Danimarca), YLE (Finlandia), RÚV (Islanda) e NRK (Norvegia).

Focalizzata su fiction e serie, con un accordo iniziale di 3 anni, New8 già dal 2023 si pone come obiettivo quello di produrre otto serie televisive. Con una particolare attenzione alla distribuzione.
Un aspetto quest’ultimo – ricorda una nota – che già da diversi anni vede paricolarmente attive nello scambio dei loro migliori prodotti le emittenti pubbliche coinvolte.
In particolare, all’interno dell’intesa, le serie selezionate saranno rilasciate nei territori di lingua tedesca: Germania, Austria e Svizzera, oltre che nei Paesi Bassi, Belgio (di lingua fiamminga), Danimarca, Svezia, Finlandia, Islanda e Norvegia.

“Con i suoi importanti partner drama, sarà la più grande collaborazione sulla fiction in Europa”, ha commentato Hans-Jørgen Osnes, Head of International Financing Drama di NRk, intervenuto alla presentazione con Simone Emmelius, SVP of International Fiction di ZDF, Anna Croneman, Head of Drama di SVT, Elly Vervloet, International Drama Expert di VRT.

“Scambiando contenuti che nascono dall’ambizione dei partner di garantire un miglior servizio pubblico europeo, possiamo rafforzare la nostra offerta sui mercati locali e creare un impatto maggiore nel settore dei media internazionali”, ha rilevato Vervloet.

“In un momento in cui la concorrenza nell’offerta di prodotto per i telespettatori europei è sempre più agguerrita, questo ci sembra un passo logico da compiere in quanto emittenti pubbliche, soprattutto per quanto riguarda l’uso efficiente del denaro pubblico”, ha evidenziato Leeflang. “Siamo convinti che la qualità della fiction europea trarrà beneficio dallo scambio di conoscenze ed esperienze tra tutti questi partner”.