Rcs, utili in crescita nel trimestre. Per il gruppo 970 mila abbonati digitali

Condividi

Rcs MediaGroup ha registrato nei primi nove mesi ricavi per 606,8 milioni (da 620,2 milioni dello stesso periodo 2022) con ricavi pubblicitari in crescita a 239,7 milioni (da 238 milioni).
Lo segnala una nota del gruppo, specificando che iI margini Ebitda ed Ebit sono cresciuti rispettivamente a 82,1 milioni (da 71,1 milioni) e a 42,8 milioni (da 33,7 milioni) e l’utile netto è salito a 27,8 milioni (da 23,7 milioni). In aumento l’indebitamento finanziario netto a 45,2 milioni (da 31,6 milioni del 31 dicembre scorso).

I ricavi editoriali e diffusionali sono stati pari a 249,5 milioni (269,4 milioni nei primi nove mesi del 2022) ed evidenziano una flessione di 19,9 milioni riconducibile al calo dei ricavi da opere collaterali (-9,6 milioni) e dei ricavi diffusionali a mezzo stampa, parzialmente compensato dalla crescita dei ricavi da abbonamenti digitali.

Gli abbonati digitali

Tra i dati segnalati anche il riferimento agli abbonati digitla. A fine settembre le testate del Gruppo raggiungono una customer base digitale attiva di 970 mila abbonamenti: 556 mila per Corriere della Sera (508 mila a fine 2022), 211 mila per Gazzetta (171 mila a fine 2022), 129 mila per El Mundo e 74 mila per Expansion.

Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport nel periodo gennaio-agosto 2023 hno registrato rispettivamente a 30,3 milioni e a 18,6 milioni di utenti unici medi al mese e nel periodo gennaio-settembre 2023 rispettivamente a 3,8 milioni e 2,6 milioni di utenti unici giornalieri medi al mese (Audicom).

Obiettivi confermati

In considerazione delle azioni già messe in atto e di quelle previste, in assenza di un peggioramento delle conseguenze riconducibili alla prosecuzione e sviluppi dei conflitti in Ucraina e in Medioriente o della dinamica dei costi, il gruppo del Corriere della Sera “ritiene che sia possibile confermare l’obiettivo di conseguire nel 2023 margini (Ebitda) fortemente positivi, in crescita rispetto a quelli realizzati nel 2022, con una ulteriore generazione di cassa nel quarto trimestre, migliorando a fine anno la posizione finanziaria netta rispetto a fine 2022”.