Sono gli influencer di destra che alimentano maggiormente il dibattito social sui migranti

Condividi

Sono gli influencer di destra ad alimentare il dibattito sul tema dell’immigrazione sui social. È quanto emerge dal Rapporto 2023 ‘Gli italiani e l’immigrazione: analisi delle conversazioni social’, realizzato da SocialData in esclusiva per Adnkronos.

Ricerca_Immigrazione_compressed

Analizzando, infatti, i Top 30 account di X per numero di pubblicazioni, ovvero i 30 account che hanno twittato di più sul tema negli ultimi 12 mesi, emerge che oltre l’80% riguarda persone ideologicamente di estrema destra, contrarie all’immigrazione e molto critiche verso le politiche dell’attuale governo in materia. Si tratta di 25 account che in 12 mesi hanno pubblicato oltre 17,9K contenuti, con una media giornaliera di 60 post/Rt per account. Ad ogni modo, seppur in maniera minoritaria, si osserva anche un certo attivismo da parte di account ideologicamente vicini alla sinistra, anch’essi molto critici nei confronti del governo. Dunque, l’esecutivo viene criticato essenzialmente da utenti di estrema destra e di sinistra, uniti nel giudizio negativo verso le politiche governative in materia di immigrazione, seppure con motivazioni differenti.

In generale, i topic più associati al tema riguardano: Immigrazione irregolare (27,9%); Governo e politica (22,5%); Unione europea (17,1%); Sicurezza (6,2%) e Integrazione (3,4%).

Luca Ferlaino

Ferlaino (SocialData): realtà sociale complessa vissuta intensamente su web

“Gli italiani conservano una diffidenza intrinseca verso i fenomeni migratori. E questi dati riflettono una realtà sociale complessa e sfaccettata, vissuta intensamente sul web”. Lo dice Luca Ferlaino, partner di SocialData, commentando il Rapporto 2023 ‘Gli italiani e l’immigrazione: analisi delle conversazioni social’.

“In questo caso vi è come un effetto cassa di risonanza, un ‘circolo vizioso’ social-mediatico che si auto alimenta, dove i giornali lanciano notizie, i politici le commentano e gli utenti reagiscono. E una volta terminato questo ‘giro’ tutto riparte da capo in un processo continuo e senza fine”.