Fieg al governo: rivalutare le risorse per l’editoria nella legge di Bilancio

Condividi

“Promuovere una campagna di comunicazione sui giornali, online e cartacei, per contribuire a contrastare la diffusione della violenza di genere, così come la Fieg, in collaborazione con l’Anci, ha realizzato l’iniziativa per la reintroduzione dell’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole”.
È l’invito che il presidente della Fieg, Andrea Riffeser Monti, rivolge alla presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

“I giornali, si legge in una nota della Fieg, sono strumenti di informazione attendibile e verificata, che si avvalgono di professionisti, e che svolgono una funzione fondamentale, riconosciuta dalla Costituzione, più volte ribadita anche dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella”.
“Il governo, ha proseguito Riffeser, riconoscendo questo ruolo, può garantire le condizioni, anche economiche, affinché nel nostro Paese possa continuare ad esistere un’editoria giornalistica indipendente, rivalutando le decisioni prese con la presentazione della legge di Bilancio 2024 che prevede una significativa riduzione delle risorse destinate all’editoria giornalistica”.