Boom Sinner, Juve-Inter record. Ranucci rimonta Fazio sparando su Gasparri e Salvini

Condividi

Vince la serata ‘Lea’, la fiction di Rai1, davanti a ‘Terra Amara’ la soap turca di Canale5. Sul terzo gradino del podio il derby d’Italia su Dazn. Dietro i primi, pareggiano ‘Che tempo che fa’ sul Nove e ‘Report’ sulla terza rete, con una puntata che attacca Maurizio Gasparri ed il progetto del Ponte sullo Stretto caro a Matteo Salvini. Al pomeriggio boom della Davis, corrono dietro i Motori

Francesco Bagnaia detto Pecco ed il ‘peccatore’ con la racchetta Jannik Sinner hanno firmato il pomeriggio e il preserale della tv facendo sussultare i numeri di Auditel. Poi in prima serata è toccato a Vlahovic e Lautaro Martinez procurare lo stesso effetto.

Pecco Bagnaia vince a Valencia

Domenica sportiva e televisiva da far lasciare l’impronta profonda sul divano quella del 26 novembre per gli appassionati di sport. Per i più fanatici si cominciava alle 12.30 con Cagliari-Monza in onda sia su Sky che su Dazn. Al pomeriggio il calcio in streaming aveva in agenda Empoli-Sassuolo e Frosinone-Genoa alle 15.00 e poi Roma-Udinese alle 18.00. Ma in quella fase della giornata sono stati i Motori protagonisti, con un momento abbastanza lungo di sovrapposizione tra i live di varie discipline.

Max Verstappen precede Charles Leclerc ad Abu Dhabi

Alle 14.00 è partito su Sky di Gp di Abu Dhabi, conclusosi con la vittoria di Max Verstappen su Red Bull e il secondo posto di Charles Leclerc su Ferrari (la differita di Tv8 è andata in onda dalle 19.00). Ma già dalle 15.00 conveniva spaccare lo schermo in due per far posto anche alla MotoGp da Valencia, con l’ultima gara vinta da Francesco Bagnaia. Pecco si è laureato campione del mondo, con Jorge Martin che è finito per terra dopo pochi giri (su Tv8 la gara è stata trasmessa alle 17.00).

Arnaldi batte Popyrin

Alle 16.00, invece, su Rai2 e su Sky, è iniziata la finale della Coppa Davis, che ha proposto prima Arnaldi-Popyrin (vinta dall’azzurro in tre set) e poi subito dopo Sinner-De Minaur, col campione della Val Pusteria che ha spazzato via in due set le ambizioni del rivale riconsegnando l’insalatiera all’Italia dopo 47 anni.

Sinner Liquida De Minaur

Jannik ha archiviato la pratica prima che – alle 20.45 a Torino – iniziasse Juventus-Inter di calcio, terminata uno a uno, con un primo tempo combattuto e interessante ed un secondo più tattico e qualche sbadiglio finale.

Simone Inzaghi e Max Allegri

In prima serata, Juve-Inter prometteva di incidere sui soliti equilibri. E cioè una griglia in cui Rai1 ha proposto ‘Lea’, Canale 5 ‘Terra Amara’, Rai2 ‘La Caserna’, Rai3 ‘Report’ (con una lunga inchiesta su Maurizio Gasparri, che in Commissione di Vigilanza aveva chiamato a ‘difendere’ il suo lavoro Sigfrido Ranucci, e con un bel servizio sul Ponte sullo Stretto e Matteo Salvini), Rete4 facendo rientrare ‘Linea Bianca’ e Giuseppe Brindisi, La7 con ‘In Onda’ e Nove con ‘Che tempo che fa’.

Anna Valle in Lea

In prima serata. ‘Lea’ regola ‘Terra Amara’. Report raggiunge ‘Che tempo che fa’, ma entrambi sono battuti da Juve-Inter (a 2,1 milioni)

In prima serata alla fine i bilanci delle reti non sono stati simili alle altre volte. Su Rai1 la terza puntata della fiction ‘Lea – I Nostri Figli’ ha conseguito 2.992.000 spettatori ed il 16,5% di share vincendo la serata.

Un momento di Terra Promessa

Su Canale5 la soap turca ‘Terra Amara’ ha conquistato 2.566.000 spettatori ed il 15% di share. Sul Nove l’anteprima di Che tempo che fa ha avuto 727.000 spettatori e il 3,3%, il programma si è attestato a 1.868.000 spettatori e 9,2% nella prima parte e a 1.184.000 spettatori ed il 9% ne ‘Il Tavolo’.

Maurizio Gasparri e i suoi conflitti d’interesse ieri in primo piano a Report

Su Rai3 dopo una presentazione a 1.122.000 e 5.4%, ‘Report’ ha avuto 1.822.000 spettatori con il 9.5%, con la coda ‘Plus’ a 1.415.000 spettatori e 8.6%. Su Italia1 la saga di Harry Potter con ‘l’Ordine della Fenice’ ha avuto 1.223.000 spettatori con il 7,1% di share.  Su Rai2 ‘La Caserma’ ha avuto 701.000 spettatori con il 3,8%. Su Rete4 la prima puntata stagionale di ‘Zona Bianca’ con Giuseppe Brindisi alla conduzione ha riscosso 633.000 spettatori con il 4,4% di share. Su La7 ‘In Onda’ si è fermato a 358.000 spettatori con il 2%. Su Tv8 il film ‘Star Wars: Il Ritorno dello Jedi’ ha raccolto 262.000 spettatori con l’1,6%.

Ingresso in campo a Torino

Destabilizzante per tutti, ovviamente, il bilancio del derby d’Italia su Dazn. La partita terminata uno a uno ha avuto 2,122 milioni di spettatori divenendo l’incontro più visto della stagione (fonte Studio Frasi).

I numeri dello sport. In 4 milioni per Arnaldi, 5,7 milioni per Sinner. Bagnaia a 2 milioni tra live e differita

Il bilancio Auditel della domenica di sport è stato potente. In primis grazie al tennis. Arnaldi-Popyrin, primo match della finale Italia-Australia di Coppa Davis, ha avuto 3,2 milioni di spettatori ed il 21,9% su Rai2 e 849mila spettatori ed il 5,8% di share su Sky, per un totale complessivo di oltre 4 milioni di spettatori ed il 27,7% di share. Subito dopo il match di Sinner contro De Minaur ha conseguito su Rai2 4,662 milioni di spettatori con il 23,35% di share e su Sky 1,024 milioni di spettatori con il 5,1% di share, per un totale complessivo di quasi 5,7 milioni di spettatori ed il 28,45%, che rimane distante dal record ottenuto dalla sfida Sinner-Djokovic, alle Nitto Finals, a 7 milioni free+pay, ma è comunque un risultato gigantesco per il movimento tennistico.

L’insalatiera torna agli Azzurri del tennis.

La fascia record di Sky

In tema Motori, alle 14.00 il Gp di Abu Dhabi ha avuto su Sky 777 mila spettatori ed il 5,5%; la stessa gara in differita su Tv8 alle 19.00 ha raccolto 740mila spettatori ed il 3,7%.

Il Mondiale vinto da Pecco Bagnaia. La gara live dalle 15.00 su Sky da Valencia ha avuto 862mila spettatori ed il 6,2%; in differita su Tv8 alle 17.00 la sfida tra Bagnaia contro Martin ha raccolto 1,1 milioni ed il 7,8% di share.

Francesco Bagnaia campione

In pratica nella fascia estesa coperta dallo sport che è andata dalle 14.00 alle 20.45 Sky ha prodotto una media di quasi 1,2 milioni di spettatori con il 7,4% di share.