Apogeo Space lancia la prima costellazione privata italiana di pico-satelliti per l’IoT

Condividi

Apogeo Space, società impegnata nella realizzazione della prima costellazione privata italiana di satelliti per la fornitura di un servizio di telecomunicazione per dispositivi dell’Internet of Things (IoT), annuncia l’avvenuto rilascio del primo lotto di nove pico-satelliti.

Lanciati in orbita l’11 novembre con il vettore Falcon 9 di SpaceX e da pochissimo rilasciati dall’OTV (Orbital Transfer Vehicle) di D-Orbit, i primi nove pico-satelliti saranno in grado di garantire una copertura globale e frequente.
La messa in orbita, spiega una nota, è avvenuta grazie a D-Orbit, azienda di logistica e trasporto orbitale di Fino Mornasco (CO).

Il lancio dei successivi pico-satelliti accorcerà sempre di più il revisit time aumentando la frequenza e la qualità del servizio, oltre ad introdurre nuove funzionalità quali la comunicazione bidirezionale.
Il prossimo lancio di Apogeo Space è previsto a marzo 2024 con Momentus (US) e di seguito è pianificato un lancio ogni 3-4 mesi, ognuno sempre composto da nove satelliti delle dimensioni di 10x10x3 cm, per la realizzazione della prima costellazione privata italiana di telecomunicazioni per IoT, che verrà completata entro il 2027, quando saranno 96 i pico-satelliti attivi in orbita. 

Il ruolo italiano nella space economy

“E’ un progetto che parte da lontano”, ha commentanto il ceo e co-fondatore di Apogeo Space, Guido Parissenti. “Ci sono voluti anni di progettazione e sperimentazione che grazie al supporto in primis del fondo Primo Space hanno potuto trovare concretezza industriale. Guardiamo al futuro con entusiasmo, con l’obiettivo di dare un contributo importante nel mondo delle telecomunicazioni per IoT”.

La realizzazione del primo importante tassello del progetto, sviluppato da una filiera completamente italiana, rafforzerà il ruolo dell’Italia nella space economy e specificatamente nelle costellazioni per telecomunicazione e costellazioni pico-satellitari.

Il progetto di Apogeo Space ha solide basi. Nell’aprile 2021 infatti l’azienda aveva annunciato la riuscita del lancio di FEES (Flexible Experimental Embedded Satellite), avente le stesse dimensioni compatte dei pico-satelliti appena rilasciati e precursore dello sviluppo tecnologico.
A questo è seguito il rilascio di un secondo satellite FEES2, a gennaio 2022, il più piccolo satellite mai rilasciato dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Apogeo Space mira a creare la sua costellazione di pico-satelliti in orbita bassa (LEO – Low Earth Orbit) per offrire una copertura di telecomunicazioni globale e una gamma completa di servizi avanzati. Questi servizi includono la raccolta dati per una varietà di applicazioni, dal settore agri-tech alla logistica integrata, dal monitoraggio delle foreste e dei ghiacciai dall’Oil & Gas, dai grandi bacini idrogeologici alle reti e alle infrastrutture.

L’istituto di ricerca tedesco Statista stima per il 2030 una diffusione di circa 30 miliardi di devices IOT connessi nel mondo (con una crescita costante annuale media di 2 miliardi da qui ad allora).