Lucia Piani entra nell’ufficio stampa di Neri Pozza

Condividi

Lucia Piani già addetta stampa per diversi marchi editoriali (Feltrinelli, Piemme, Piemme Junior, Frassinelli), dopo l’ultima esperienza, durata 7 anni, nell’ufficio comunicazione di Bompiani, dal 1° gennaio 2024 entra a far parte dell’ufficio stampa di Neri Pozza, all’interno dell’ufficio Comunicazione e Marketing diretto di Francesca Colletti, dove sarà responsabile dei rapporti con i giornalisti di carta stampata, testate online, radio e tv.

Nata a Ravenna nel 1976, dopo gli studi classici si laurea in Scienze della Comunicazione a Bologna con una tesi in psicologia del linguaggio sul tema del “narratore inattendibile” e si è specializzata al Dams con un master in Organizzazione dello spettacolo.

“Sono felice di unirmi al clima di positivo fermento che si è creato in Neri Pozza con l’insediamento recentissimo del nuovo direttore editoriale Giovanni Francesio – dice Lucia Piani – e alla squadra di persone competenti e appassionate con cui mi troverò a collaborare. Nel 2024 Neri Pozza avrà novità bellissime. L’anno si aprirà infatti il 16 gennaio con l’uscita del nuovo libro di Michael McDowell ‘Gli aghi d’oro’ dopo il successo da 300.000 copie della saga ‘Blackwater’, e del romanzo vincitore del prestigioso premio Neri Pozza ‘L’ultimo viaggio di Lenin’ di Francesco Pala”, racconta Piani, già entrata nel ruolo, “per poi proseguire con la pubblicazione delle nuove fatiche degli autori bestseller Abraham Verghese e David Nicholls, del caso letterario francese vincitore del Prix Femina ‘Triste tigre’ di Neige Sinno, potentissima opera autobiografica sul tema dell’incesto e del saggio – fondamentale per capire il conflitto Israeliano-palestinese secondo il Guardian e il NY Times – di Nathan Thrall ‘Un giorno della vita di Abed Salama’, fino ad arrivare all’esordio italiano più atteso (e conteso in asta dai vari editori!) ‘L’isola dove volano le femmine’ di Marta Lamalfa, ispirato a una incredibile storia vera e, in autunno, al nuovo libro di Tracy Chevalier, ‘La vetraia’, una affascinante saga familiare ambientata in Italia, a Murano, dove l’autrice verrà a presentarlo”.

Nel tempo libero, Lucia Piani ama leggere, soprattutto saggistica e libri di arte e archeologia, ascoltare podcast true crime, vedere film – meglio se horror -, andare a teatro e a caccia di tesori nei mercatini vintage, “discutere con la figlia adolescente, fare yoga, camminare, e viaggiare, con la fantasia e non”.