Andrea Vernier (foto LaPresse)

Milano-Cortina, entro gennaio la decisione sulla pista da bob

Condividi

Salvini sponsor per il progetto di Cortina

La “scadenza ultima e non procrastinabile” per arrivare, in accordo con il Cio, a una decisione sulla pista da bob per le Olimpiadi di Milano Cortina è gennaio 2024. A comunicarlo una nota della Fondazione che organizza i giochi del 2026, dopo la riunione di questa mattina con l’Assemblea degli Enti Membri del Comitato organizzatore.

L’incontro è avvenuto all’indomani della Cabina di Regia, che tra i temi ha discusso proprio della pista da bob, con la relazione di SIMICO sullo sliding centre di Cesana Torinese e la nuova proposta di mantenere viva la progettualità su Cortina d’Ampezzo “con un impianto ridotto e dall’impatto economico contenuto”. Ipotesi quest’ultima molto sponsorizzata dal ministro dell’infrastrutture, Matteo Salvini.
In entrambi i casi, ha precisato la Fondazione Milano Cortina 2026 resta in attesa di ricevere i progetti per avviare successivamente una fase di verifica con il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e le Federazioni Internazionali, e di valutazione dei servizi accessori indispensabili alla realizzazione di una venue olimpica.

Proposte dall’estero

Il Comitato Organizzatore ha poi ribadito di aver da tempo avviato una fase di “analisi e approfondimento delle caratteristiche degli sliding centre presenti sul panorama internazionale”. Ad oggi i Comitati Olimpici Nazionali (NOC) di Stati Uniti, Germania, Austria e Svizzera hanno fatto pervenire la documentazione necessaria all’analisi posta in essere dalla Fondazione Milano Cortina 2026.