Prima alla Scala, 100 giornalisti accreditati e tv estere collegate

Condividi

Per il Don Carlo di Verdi folta rappresentanza per i media esteri

Milano si prepara al tradizionale appuntamento del 7 dicembre, con l’inaugurazione della Stagione della Scala di Milano, che si aprirà con il Don Carlo di Giuseppe Verdi, diretto da Riccardo Chailly.

Assenti Mattarella e Meloni

Folta la rappresentanza di politici e istituzioni. Assenti Presidente della Repubblica e presidente del Consiglio, in sala ci saranno il presidente del Senato, Ignazio La Russa, il vicepresidente del Consiglio e ministro a Infrastrutture e Trasporti, Matteo Salvini, il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, la ministra per le Riforme Istituzionali, Maria Elisabetta Alberti Casellati, i sottosegretari alla Cultura, Gianmarco Mazzi e Vittorio Sgarbi.
Presenti anche il neo prefetto di Milano, Claudio Sgaraglia, il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, il sindaco di Milano Giuseppe Sala, i senatori a vita Liliana Segre e Mario Monti, il Capo di Stato Maggiore Giuseppe Cavo Dragone. Presente anche l’ad della Rai, Roberto Sergio.

Tra sala e foyer oltre un centinaio i giornalisti accreditati, provenienti oltre che dall’Italia, anche da Austria, Canada, Francia, Germania, Israele, Lettonia, Regno Unito, Spagna, Stati Uniti e Svizzera.

Dominque Meyer (Foto LaPresse)

Diretta sulla Rai

Come accade ormai da diversi anni, l’opera in quattro atti verrà trasmessa in diretta dalle 17.45 anche dalla Rai. Con la regia televisiva di Arnalda Canali, sarà possibile seguirla su Rai1, Rai1 HD canale 501, RaiPlay e diretta anche su Radio3.

Ma sono diversi i broadcaster che trasmetteranno l’evento in diretta da Milano grazie agli accordi sottoscritti con Rai Com: da Arte per Austria, Belgio, Francia, Germania, Liechtenstein e Lussemburgo, alla Svizzera RSI, dalla portoghese RTP alla ceca Ceskß Televize. Dall’Europa al Giappone, dove la NHK manderà in onda Don Carlo (in differita) in formato 4K HDR.
La Prima della Scala sarà fruibile in tutto il mondo sulla piattaforma Medici Tv e proiettata in diretta anche nelle sale cinematografiche di Spagna, Svizzera, America Latina, Australia e Nuova Zelanda e in un network di quindici sale italiane.