Paolo Stucchi rinforza Publicis. E’ il nuovo coo

Condividi

Nell’aria da qualche giorno, è ufficiale la notizia dell’approdo di Paolo Stucchi, nel recente passato in ruoli apicali internazionali di Dentsu, nella squadra di vertice di Publicis Groupe Italia con il ruolo di Chief Operating Officer. In carica dal 15 gennaio, riporterà direttamente a Roberto Leonelli, CEO Publicis Groupe Italia, e lavorerà in stretta collaborazione con il team Emea di Demet Ikiler

Paolo Stucchi approda in Publicis Groupe Italia col ruolo di chief operating officer. La realtà italiana del colosso francese guidata da Roberto Leonelli continua così nel percorso di crescita e di investimento, rafforzando ulteriormente la solidità del proprio modello.

Paolo Stucchi

E’ questa la grande novità sotto l’albero per il mercato della pubblicità e per il settore nazionale del media  in particolare. Stucchi, 53 anni, ha nel bagaglio professionale un’estrazione GroupM e, in ultimo, il suo percorso è stato caratterizzato dal lungo passaggio in Dentsu, dove ha occupato prima la poltrona di comando in Italia e sud Europa e poi ha avuto l’incarico di ceo media Emea.
Stucchi avrà la delega su tutte le business operation oltre alla responsabilità diretta sulle attività Media in Italia.

Roberto Leonelli

Roberto Leonelli ceo Italia di Publicis Groupe ha dichiarato. “L’ingresso di Paolo è un ulteriore potenziamento del nostro modello integrato Power of One, che ci ha permesso di crescere ad un ritmo accelerato negli ultimi anni e di raggiungere i più alti livelli di eccellenza. Ringrazio Paolo – ha aggiunto il manager- per aver accettato questo importante incarico con entusiasmo e con grande energia, insieme continueremo la trasformazione e l’integrazione della nostra offerta di creatività, media, produzione e Digital Business Transformation.”

Demet Ikiler
Demet Ikiler

Demet Ikiler, coo EMEA di Publicis Groupe ha commentato: “L’arrivo di Paolo segna un passo significativo per Publicis Groupe nell’area Emea e sono fiduciosa del prezioso impatto che sarà in grado di portare al nostro modello Power of One, riconoscendo il ruolo chiave dell’Italia come mercato fondamentale per il gruppo. La sua influenza si estenderà non solo in Italia ma in tutta l’area Emea. Non vedo l’ora – ha concluso Ikiler – di lavorare con lui concretizzando ulteriori successi per Publicis Groupe”