OpenAI, la Commissione Ue mette sotto esame l’investimento di Microsoft

Condividi

Allo studio l’impatto delle partnership per la nuova tecnologia sul mercato

Bruxelles accende un faro sul rapporto tra Microsoft e OpenAi. La Commissione Europea sta verificando se l’investimento della Big Tech nella società di ChatGpt possa essere rivedibile ai sensi del regolamento Ue sulle concentrazioni.

Secondo quanto viene spiegato in una nota, la Commissione sta esaminando alcuni degli accordi conclusi tra grandi attori del mercato digitale e sviluppatori e fornitori di IA generativa.
E sta studiando l’impatto di queste partnership sulle dinamiche di mercato.

Contributi ed esperienze

Sull’AI l’istituzione ha pubblicato oggi due inviti a presentare contributi sulla concorrenza nei mondi virtuali e sull’intelligenza artificiale generativa e ha inviato richieste di informazioni a diverse grandi aziende lettori digitali. Tutte le parti interessate sono invitate a condividere la loro esperienza e a fornire feedback sul livello di concorrenza nel contesto dei mondi virtuali e dell’intelligenza artificiale generativa, nonché le loro opinioni su come il diritto della concorrenza può contribuire a garantire che questi nuovi mercati rimangano competitivi.
La Commissione europea esaminerà attentamente tutti i contributi ricevuti tramite gli inviti a presentare contributi. A seguito di tale revisione, la Commissione potrebbe organizzare un seminario nel secondo trimestre del 2024 per riunire tutte le diverse prospettive emerse e continuare questa riflessione.