Agenzia Dire, Stefano Pistilli si dimette da amministratore unico

Condividi

“Caro direttore, la presente per informarla di aver preannunciato all’editore la mia volontà di rassegnare le dimissioni dall’incarico a me assegnato”. Lo scrive in una nota Stefano Pistilli, amministratore unico della Dire, secondo quanto si legge sul sito della stessa agenzia.

“La ragione principale che mi spinge a fare questa scelta è il senso di responsabilità nei confronti dell’agenzia Dire, che vive un momento molto delicato, e ritengo sia nell’interesse superiore della società che non vi siano distrazioni né perdite di tempo prezioso per rispondere su fatti infondati e inesistenti di cui mi occuperò a tempo debito”.
“Tutta l’azienda deve concentrarsi perché in tempi rapidi siano chiariti gli equivoci che mettono a rischio il futuro occupazionale da cui dipendono 120 famiglie e il pluralismo dell’informazione”.
“Resta inteso, la conclusione, che la mia disponibilità rimarrà invariata e metterò a disposizione tutte le mie competenze qualora fosse necessario”.

I problemi alla Dire

La testata, ricorda Ansa, è alle prese con un fermo amministrativo da parte del ministero dell’Istruzione e un congelamento dei contributi per i servizi giornalisti resi a Palazzo Chigi.
Da qui la decisione dell’editore di sospendere 17 dipendenti, arrivata dopo i licenziamenti (11 ad ora, dopo 3 reintegri).