Gennaro Sangiuliano (foto Ansa)

18App addio, entrano in vigore le Carta Cultura e Merito

Condividi

Dal valore di 500 euro

Dal 31 gennaio sono ufficialmente operative la Carta della cultura giovani e la Carta del merito. E’ infatti entrato in vigore il regolamento che disciplina i criteri e le modalità di attribuzione e di utilizzo dei due benefici previsti per legge per sostituire la vecchia 18App.

A chi sono destinate

Il valore nominale di ciascuna Carta, si legge sul sito del Mic, è di 500 euro. I due bonus, cumulabili tra loro, posso essere richiesti fino al 30 giugno e sono utilizzabili entro e non oltre il 31 dicembre “dell’anno in cui i beneficiari si sono registrati sulla piattaforma”.

Nel dettaglio, ricorda il ministero, a Carta della cultura giovani è riconosciuta a tutti i residenti nel territorio nazionale in possesso, ove previsto, di permesso di soggiorno, appartenenti a nuclei familiari con Isee non superiore a 35mila euro ed è assegnata e utilizzabile nell’anno successivo a quello del compimento di 18 anni.
La Carta del merito è riconosciuta a chi ha conseguito, non oltre il compimento dei 19 anni, il diploma di secondo grado con un voto di almeno 100 centesimi.

Le attività

Le Carte possono essere usate per acquistare biglietti per rappresentazioni teatrali, proiezioni cinematografiche e spettacoli dal vivo; per l’acquisto di libri, abbonamenti a quotidiani e periodici anche in formato digitale; per musica registrata e prodotti dell’editoria audiovisiva.
E ancora, l’accesso a musei, mostre, eventi culturali, aree archeologiche e parchi naturali.
Il credito può essere usato inoltre per partecipare a corsi di musica, teatro, danza e lingue straniere. 

Esclusi i videogiochi e gli abbonamenti per l’accesso a canali o piattaforme che offrono contenuti audiovisivi.