Il “Manifesto della gentilezza” raccontato in una serie di podcast

Condividi

Cosa dice il Manifesto della Gentilezza?

‘Per essere gentili ci vuole coraggio.

Qualche volta appare debolezza, ma la gentilezza, invece, è forza.

La gentilezza ci appartiene da sempre.

Esiste nei bambini fin dai loro primi gesti di vita; esiste nella natura e negli animali, anche in quelli selvatici.

La gentilezza è profonda, silenziosa, gratuita, pacificatrice e porta speranza.

La gentilezza ascolta e non chiede nulla in cambio.
La gentilezza va coltivata, esercitata e spesa nel presente.

Gentilezza è dare linfa alle relazioni, farle crescere, assicurarsi che le radici siano salde a terra.

Gentilezza è imparare dalle piante, che si si sostengono a vicenda intrecciando i loro rami per crescere più forti.

La gentilezza è una virtù poderosa che va allenata con paziente costanza.

La gentilezza è necessaria e urgente.

La gentilezza è un luogo nascosto del cuore e racchiude il segreto dell’invincibilità”.

Il Manifesto della gentilezza è nato per iniziativa della Fondazione Amplifon Onlus – fondazione aziendale del Gruppo Amplifon presieduta da Susan Carol Holland – in occasione dei suoi quattro anni di attività.

Il progetto si lega a una serie podcast di Mario Calabresi e Chora Media che esplora i diversi significati della gentilezza insieme ad alcuni ospiti come Alessandro Barbero, Cristiana Capotondi, Paola Cortellesi, Luca Zingaretti, il poeta Franco Arminio, gli antropologi Elisabetta Moro e Marino Niola, la zoologa Mia Canestrini, il saggista e psichiatra Vittorio Lingiardi e lo scienziato e divulgatore Stefano Mancuso.

Il primo episodio della serie è già disponibile sulle principali piattaforme audio gratuite (Spotify, Apple Podcast, Spreaker, Google Podcasts). Gli episodi successivi saranno rilasciati settimanalmente.