Per gli italiani occuparsi di risparmio e investimenti è fonte di ansia e preoccupazione

Condividi

.

Secondo il 4° Rapporto Assogestioni-Censis «Le competenze finanziarie delle diverse generazioni di risparmiatori» per quasi metà degli italiani (49,3%) occuparsi di risparmio e investimenti è fonte di ansia e preoccupazione.

Rapporto Assogestioni-Censis «Le competenze finanziarie delle diverse generazioni di risparmiatori» (PDF)

nota_sintetica_per_la_comunicazione_assogestioni_censis

A soffrire maggiormente sono giovani e over 65, in particolare il 50,7% di chi ha tra i 18 e i 34 anni e il 54,4% degli ultrasessantacinquenni, contro il 45,6% degli adulti (35-64 anni). A preoccupare sono le modifiche alle proprie scelte finanziarie e il ripensamento dei porti sicuri del passato, come ad esempio la tradizionale predilezione per la liquidità, a rischio con l’inflazione.

Inoltre, la risalita dei tassi di interesse preoccupa il 44,1% dei giovani, il 36,3% degli adulti e il 31,6% degli anziani che hanno affermato di essersi sentiti personalmente penalizzati dal fenomeno.