Giacomo Lasorella (Foto LaPresse)

Safer Internet Day, Lasorella (Agcom): stabilire soglie per l’accesso dei minori alla Rete

Condividi

al convegno ‘Ci arriva anche un bambino’ promosso da Telefono Azzurro per il Safer Internet Day

“L’uso delle neo tecnologie nelle vite dei ragazzi e dei bambini non va demonizzato, ma va governato con consapevolezza per consentire ai ragazzi di fruire delle molte opportunità offerte dalla rete, in condizioni di sicurezza”. E’ il presupposto da cui parte Giacomo Lasorella, presidente dell’Autorità Garante per le Comunicazioni.
Parlando in occasione del convegno ‘Ci arriva anche un bambino’ promosso da Telefono Azzurro in occasione del Safer Internet Day 2024, Lasorella ha spiegato come in particolare vada “evitata l’esposizione dei ragazzi ai contenuti inadeguati per il loro grado di sviluppo, anche in termini di autodeterminazione”.

“Fenomeni drammatici come il grooming, il cyber bullismo, il revenge porn, il coinvolgimento in giochi mortali hanno infatti in comune, pur nelle loro differenze, l’esposizione del minore ad effetti fortemente lesivi”, ha aggiunto.
“Lo stesso pedinamento digitale realizzato con il tracciamento della navigazione funzionale, il micro, targeting e l’invio di pubblicità a contenuti mirati sono fortemente distorsivi per la formazione e per il complessivo processo cognitivo dei minori. Questi effetti, poi si amplificano in misura esponenziale quanto più piccoli ne siano i fruitori. E allora stabilire la soglia di accesso autonomo dei minori alla rete diviene dunque tema cruciale per impedire i rischi della solitudine digitale”, ha chiosato.