Swissport Italia, 11 milioni di euro per nuovi mezzi elettrici per l’aeroporto di Fiumicino

Condividi

Pronta ad assumere altre 400 persone ex-Alitalia

Dopo aver chiuso il 2023 con oltre 170.000 voli e più di 21 milioni di passeggeri serviti in Italia, Swissport – il leader mondiale dei servizi di assistenza a terra e movimentazione merci negli aeroporti – apre il 2024 annunciando investimenti nella flotta elettrica presso l’aeroporto di Roma Fiumicino.
In linea con l’impegno assunto dalla società a livello globale di raggiungere il net zero entro il 2050, l’azienda ha deciso di investire 11 milioni di euro per un piano di rinnovo ed elettrificazione della flotta dei mezzi di movimentazione a terra. I nuovi mezzi acquistati (la maggior parte ad alimentazione elettrica) saranno trattori per il traino e il push-back di aeromobili di lungo raggio, autobus per il trasporto passeggeri scale, nastri bagagli, cargo loaders e transporters.
Rinnovata, inoltre, anche la flotta dei trattori per il trasporto bagagli: 50 nuovi trattori elettrici sono già arrivati a Fiumicino e altri 70 saranno consegnati prima dell’estate.

Recentissima anche l’inaugurazione del nuovo centro operativo di Fiumicino. Esteso su due piani e situato in una posizione strategica al centro delle attività di pista, ospita il cuore delle attività di coordinamento operativo dell’HUB di Swissport Italia. Tanti i team nell’operation center che si occupano di funzioni chiave: dalla gestione di tutte le attività di transito degli aeroplani, al coordinamento delle attività dei passeggeri e bagagli in transito sull’ aeroporto di Fiumicino sino alla gestione degli aspetti legati alla qualità e sicurezza delle operazioni.

Swissport Italia impiega oggi 2.300 persone, assunte a luglio 2022 dopo aver rilevato le attività di assistenza a terra di Alitalia in amministrazione straordinaria, e conta di poter integrare in organico altri 400 dipendenti di Alitalia in cassa integrazione, come da accordi siglati con le rappresentanze sindacali il 4 luglio 2022, se otterrà la licenza per la gestione dei servizi di rampa presso l’aeroporto di Roma Fiumicino, a oggi oggetto di ricorso presentato al Tribunale Amministrativo del Lazio, che ha rinviato ogni decisione al prossimo 20 marzo 2024. “Abbiamo forti argomentazioni – sostiene Marina Bottelli, Amministratore Delegato di Swissport in Italia – abbiamo fiducia che la decisione finale consentirà a Swissport di continuare ad operare con qualità a Fiumicino e ci permetterà di dare lavoro ad altri 400 ex dipendenti Alitalia”.