Annalena Benini (foto Ansa)

Salone del Libro, ‘la vita immaginaria’ tema dell’edizione 2024

Condividi

Primi dettagli sul prossimo Salone Internazionale del Libro di Torino, in programma al Lingotto Fiere da giovedì 9 a lunedì 13 maggio.
Giunta alla XXXVI edizione, la manifestazione vedrà il debutto alla direzione di Annalena Benini, che a ottobre ne ha riorganizzato la struttura, creando sette sezioni tematiche affidate ad altrettanti curatori e una redazione con il compito di studiare i cambiamenti sociali e i nuovi linguaggi.

La ‘Vita immaginaria’ il tema scelto, con la Liguria Regione ospite, mentre non ci sarà un Paese ospite ma una lingua, quella tedesca.

Benini: omaggio alla vita immaginaria

“Vita immaginaria è il titolo del mio primo Salone. È il titolo di un bellissimo libro di Natalia Ginzburg pubblicato nel 1974 e ripubblicato di recente”, ha spiegato Benini, ripresa da Ansa. “È stato ed è per me molto importante perché mostra e racconta come la vita immaginaria muove quella creativa, predice quello che poi succede nella vita reale. Questo è il nostro desiderio: omaggiare la vita immaginaria”.
“Questo Salone, ha continuato, è l’omaggio alla vita immaginaria, in tutte le sue forme: al suo modo creativo, malinconico, fiducioso e sempre nuovo di creare altri mondi e di farli incontrare, sperando perfino che qualcuno di essi possa diventare reale”, ha spiegato Benini, convinta che il tema sarebbe stato apprezzato anche da Ernesto Ferrero.
L’illustrazione è stata creata da Sara Colaone e racconta “un territorio sorprendente e misterioso dove lo sguardo si fa libero di contemplare le vite immaginarie, riprodursi e crescere in modo autonomo, dando vita a un patrimonio di infinite possibilità”.