Antonio Di Bella collaboratore della televisione del Papa

Condividi

Il noto giornalista ex Rai il 6 marzo debutta su Tv2000 con un programma settimanale

Lo aveva annunciato, ospite di Fabio Fazio a ‘Che tempo che fa’, lo stesso Antonio Di Bella, volto storico e firma prestigiosa del giornalismo Rai, che debutterà il 6 marzo su Tv2000 con un programma settimanale giornalistico. Si chiamerà ‘Di Bella sul 28′, e sarà un approfondimento di mezz’ora che inizia al termine del telegiornale serale e lascia la linea al film di prima serata, avrà un ospite in studio e collegamenti dall’ Italia e dall’estero.

Antonio Di Bella (Foto ANSA)

Di Bella lo scorso luglio, dopo 45 anni, ha lasciato viale Mazzini per raggiunti limiti di età, una vera perdita per la Rai, e Vincenzo Morgante, che prima di diventare direttore di Tv2000 aveva condiviso con Di Bella l’esperienza nel servizio pubblico, non ha perso l’occasione di arricchire la ‘televisione del Papa’ con un super collaboratore.

Di Bella, il giornalismo nel sangue come figlio di Franco Di Bella, storico capo redattore e poi direttore del Corriere della Sera, inizia nel 1978 a collaborare alla redazione regionale Rai di Milano per la trasmissione ‘Noi in Lombardia’, un anno più tardi viene assunto come redattore ed è l’inizio di una carriera che è un alternarsi di ruoli di direttore e di corrispondente internazionale della Rai negli USA e in Francia. E’ direttore del Tg3 dal unificata dall’agosto 2001 all’ottobre 2009, e dopo otto anni viene nominato direttore di Rai 3 al posto di Paolo Ruffini, scaricato perché la sua rete era considerata troppa anti berlusconiana. Una scelta contro cui Ruffini fa causa per discriminazione politica e vince. Di Bella non crea problemi e nel giugno 2020 ritorna il testimone del comando a Ruffini che è stato reintegrato.

E’ l’occasione per andare a New York come corrispondente e responsabile dell’ufficio Rai negli USA. Ma dura poco perché il 28 settembre 2011 e’ di nuovo alla direzione di Rai3, essendo Ruffini passato alla direzione de La7. Di Bella mantiene il palinsesto della rete intelligente e un filo trasgressivo, e lo arricchisce puntando anche sull’informazione iniziando con il debutto di ‘La crisi. In ½ h’ programma d’approfondimento, condotto da Lucia Annunziata, in onda alle 20 fino a metà dicembre 2011.

Dopo l’esperienza a capo di Rai 3 finita nel dicembre 2012, Di Bella torna all’estero a Parigi corrispondente e responsabile dei servizi Rai in Francia. Nel febbraio 2016 però arriva un nuovo incarico in azienda come direttore della struttura di Rai News (da cui dipendono Rai News 24, Rainews.it e Televideo). Nel luglio 2020 lascia la direzione di Rai News per ritornare negli Stati Uniti con il doppio ruolo di corrispondente e di conduttore, con Lucia Annunziata, del supplemento ‘esteri’ di Mezz’ora in più, alla domenica pomeriggio su Rai3.

La flessibilità di Di Bella viene messa ancora alla prova con la decisione di nominarlo, nel dicembre 2021, fra i nuovi direttori di genere prima alla Direzione Day Time, che si occupa dei programmi di intrattenimento nell’arco della giornata, e dopo sei mesi, nel giugno 2022, a Direttore degli Approfondimenti.

Di Bella ama la radio e ha sempre avuto un rapporto di collaborazione con Radio 2 Caterpillar di cui ha fatto anche il conduttore. Nel periodo in cui ha diretto il TG3 anticipava tutti i lunedì sera qualche titolo dalla scaletta del TG3, di Primo Piano e cantava canzoni da lui composte su temi di attualità. Dopo essere stato nominato direttore di Rai 3, Di Bella ha continuato ad avere la rubrica settimanale all’interno del programma e la collaborazione continua.

In tanto attivismo non poteva mancare l’uscita di un libro adesso in libreria: ‘L’impero in bilico ‘, in cui Di Bella ” vuole cercare di superare gli stereotipi di destra e sinistra e raccontare l’America di Trump e di Biden con tutte le sue contraddizioni e le sue ragioni” come e’ scritto nella presentazione fatta dall’editore Solferino.