OpenAI lancia Sora, AI che trasforma i testi in video

Condividi

Al momento non ancora rilasciata al pubblico

Prosegue il lavoro di OpenAI, la casa madre di ChatGpt, nello sviluppo di nuovi modelli di intelligenza artificiale. L’ultimo è Sora, una piattaforma che permette di creare filmati fornendo al chatbot solo indicazioni testuali.

Sora non è il primo modello del genere. Solo qualche giorno fa, Google aveva lanciato Lumiere, una piattaforma di AI simile che però crea filmati partendo da immagini caricate dall’utente.
Il nuovo sviluppo di OpenAi è l’unico a poter generare un file lungo fino a 60 secondi. Inoltre, l’AI può realizzare interi video simulando la presenza di più videocamere, il che garantisce che i soggetti rimangano gli stessi anche quando escono temporaneamente dalla vista.

Timori e “rimedi”

La funzione non è stata ancora rilasciata al pubblico, nemmeno in versione di prova, anche perché OpenAI deve ancora capire come proteggerla da eventuali problemi dovuti alla produzione di video falsi, fatti passare per veri. Non a caso, l’organizzazione ha affermato che verranno coinvolti politici, educatori e artisti per “comprendere le preoccupazioni e identificare casi d’uso positivi per questa nuova tecnologia”.
Un aiuto dovrebbe arrivare dalle etichette a cui sta lavorando il consorzio C2pa, di cui fanno parte OpenAI ma anche la Bbc e il New York Times.
L’idea è inserire dati aggiuntivi che evidenzino l’eventuale creazione di un file tramite AI e bloccarne la diffusione online, qualora vengano violate le norme condivise.
Con i metadati del consorzio C2pa, verranno esaminati i singoli fotogrammi di ogni video per garantire l’adesione alle norme di utilizzo, prima che il filmato venga mostrato ai navigatori.

Ma la stessa OpenAI ha diversi timori su questo fronte. “Nonostante ricerche e test approfonditi non è possibile prevedere tutti i modi positivi in cui le persone utilizzeranno la nostra tecnologia, né come ne abuseranno”, ha scritto la società.