Nazisti neri e altri errori storici: Google mette in pausa la generazione di immagini di Gemini

Condividi

Google sospende temporaneamente Gemini, il sistema di intelligenza artificiale che crea immagini, mandato online a inizio mese.
La decisione, comunicata dalla stessa azienda, è stata presa dopo che sono aumentate le segnalazioni di utenti che hanno notato come il chatbot cada spesso in errore quando si chiede di generare foto che rimandano a fatti storici.

Soldati tedeschi e padri fondatori di colore

Tra le “sviste”, se così possiamo chiamarle, ci sarebbero le raffigurazioni – create dal software per diverse persone negli Stati Uniti – di padri fondatori americani e dei soldati tedeschi della seconda guerra mondiale con evidenti errori, ad esempio presentando individui in divisa nazista di etnia diversa, tanto da far pensare a un vero e proprio sovvertimento di stereotipo.

Da qui la decisione di intervenire, mettendo in pausa il software. “Siamo consapevoli che Gemini offra inesattezze in alcune rappresentazioni storiche della generazione di immagini. Siamo al lavoro per risolvere il problema”, ha affermato Google in una nota pubblicata su X.
“I contesti storici hanno più sfumature e ci adatteremo ulteriormente per conformarci”, ha affermato Jack Krawczyk, senior director of Product di Gemini.