Pietro Labriola (foto LaPresse)

Tim, Labriola: consolidamento e fairshare non più rinviabili

Condividi

Bene il confronto avviato dall’Ue scrive su LinkedIn il ceo di Tim. Inazione non è opzione

“Siamo finalmente arrivati ad un punto di svolta?”. E’ la domanda con cui l’ad di Tim, Pietro Labriola, apre un post su LinkedIn parlando del White Paper sulla connettività presentato il 21 febbraio dalla Commissione Ue nel quale si parla di nuove norme per le tlc, compreso un contributo delle big tech sulle infrastrutture.
“Apre un confronto con tutti gli stakeholder su un tema su cui insisto da tempo: senza infrastrutture digitali innovative l’Europa non può crescere, ma per realizzarle servono ritorni sugli investimenti e un mercato sostenibile”, ha continuato.

“Consolidamento e fairshare non sono più rinviabili: l’inazione non è un’opzione. È stato compiuto un primo passo, ora spero che tutti partecipino alla consultazione per consolidare velocemente quanto di buono è stato proposto”.
In chiusura un invito ai vertici degli altri operatori tlc di Wind Tre, Iliad e Vodafone. “Gianluca Corti, Aldo Bisio, Benedetto Levi, Margherita Della Valle, facciamoci sentire”.