Sabato, domenica e lunedì. Spettacoli ‘madri’, concerti, incontri verdi

Condividi

In scena nel fine settimana alcune mamme in crisi, con Lunetta Savino e Ivana Monti. Ma anche donne bambola e ‘Le solite stronze’. La musica con Renato Zero e un omaggio a Lucio Dalla. E un incontro sulle piante

Renato Zero

Si riparte da Zero

L’anno scorso nei palasport ‘Zero a Zero – Una sfida in musica’ ha fatto 246 mila presenze per 24 date. Sabato si riparte da Firenze e dal Nelson Mandela Forum. 14 i concerti evento, che da Firenze raggiungeranno poi Roma (Palazzo dello sport). Renato Zero canterà il meglio del suo repertorio, ma anche i brani del nuovo ‘Autoritratto’, il disco uscito in dicembre.

Francesca Chillemi

Non sono una bambola

Sabato, al Teatro Moderno di Latina, l’ex Miss Italia Francesca Chillemi è la psicologa protagonista del ‘Giocattolaio’, tratto da un romanzo di Gardner McKay. Lo spettacolo, che anni fa fu interpretato da Kathleen Turner, è la storia di un manipolatore (l’attore Kabir Tavani) che seduce e lobotomizza le donne, trasformandole in bambole viventi.

Contadini in città

Sabato mattina a Cascina Nascosta, nel Parco Sempione di Milano, si svolge ‘Le piante stanno zitte?’, talk ‘sostenibile’ sui nuovi linguaggi utilizzati per coinvolgere i più giovani sulla biodiversità. Renato Bruni, direttore dell’Orto botanico di Parma, dialoga con Marzio Marzorati, presidente del Parco Nord. Partecipa anche Niccolò Burinato, ossia il ‘contadino Nick‘, agricoltore e digital creator che pubblica video divulgativi dedicati alla cura dell’orto e dei giardini. Nel pomeriggio si svolgerà poi un workshop di urban gardening.

Lunetta Savino

Nel nome della madre/1

Fino a domenica a Trento, al Teatro Sociale, è in scena ‘La madre’, per la regia di Marcello Cotugno. Lunetta Savino è la protagonista, che fra l’uscita di casa del figlio e i problemi di coppia, si ritrova a vivere una sorta di realtà sdoppiata e allucinatoria, un “multiverso della mente”. Autore è Florian Zeller, che dopo ‘La madre’ ha dato vita a teatro al ‘Padre’ e al ‘Figlio’.

Ivana Monti, Maria Cristina Gionta

Nel nome della madre/2

Sabato e domenica, al Teatro Gerolamo di Milano, Ivana Monti e Maria Cristina Gionta presentano la commedia di Antonia Brancati ‘Preferirei di no’, titolo che riprende la celebre battuta di Bartleby lo scrivano. Scritto 30 anni fa, ai tempi di Tangentopoli, lo spettacolo mette a confronto/scontro una cinica manager e la madre che vive isolata e ‘inselvatichita’

Denny Mendez

Matrimonio e altri disastri

Nel 1996 è stata la prima Miss Italia di origine non italiana. Poi, Denny Mendez ha fatto un po’ di cinema (anche con John Travolta), un po’ di Tv. E il teatro. A Roma, al Teatro degli Audaci, recita fino a domenica ‘Cose di ogni giorno’, diretto e cointerpretato da Francesco Brachetti, dove è una donna alle prese con una crisi familiare. “Era il tempo di cadere dalle nuvole e di mettere i piedi a terra, di non considerarmi più una donna che non vede, non sente e non parla”, sintetizza l’attrice.

Guerra e casa

Prodotto da Lac di Lugano e il Teatro stabile del Veneto, sabato e domenica al Teatro Verdi di Padova si rappresenta ‘The City’. Lo spettacolo, scritto 15 anni fa da Martin Crimp, è diretto da Jacopo Gassmann. Il regista lo racconta come “una commedia nera, inquieta, incentrata sul potere del linguaggio. Quella che era nata come una semplice tensione domestica si trasforma in un delirio a due, attraverso cui si insinuano le minacce del mondo esterno: un mondo dove si può essere licenziati di punto in bianco e in cui le guerre, apparentemente lontane, possono irrompere improvvisamente, come degli incubi in pieno giorno”.

Tu non mi basti mai, Lucio

Marzo per Lucio Dalla è l’anniversario della nascita (4/3/1943) e quello della morte (1/3/204). Fra queste due ricorrenze, domenica al Teatro Bello di Milano va in scena ‘Lucio c’è’. La regia dello spettacolo è di Marcello Balestra, storico collaboratore del cantautore ed ex direttore artistico di Warner Music Italia, che sul palco alterna pezzi classici di Dalla, eseguiti dal vivo con la band, a racconti e aneddoti di vita vissuta. I testi faranno poi parte anche del libro ‘Lucio c’è’, in uscita in primavera.

Carlotta Vagnoli

L’angelo delle str….

Lunedì al Carcano di Milano la scrittrice e attivista contro la violenza di genere Carlotta Vagnoli presenta ‘Le solite stronze‘, monologo sul ruolo delle donne nella società di oggi, che ribalta alcune prospettive. Come quella che chi non corrisponde allo stereotipo dell’angelo del focolare diventa immediatamente una stronza.