Parte in calo l’anno per l’adv digitale. Crescono il desktop e la fruizione in app

Condividi

Un gennaio 2023 particolarmente ricco fa partire in rosso l’adv digitale nel nuovo anno. Ma se si guarda ai dati 2022, segnala Fcp Assointernet, il saldo è positivo

Dopo un 2023 che si è chiuso in positivo, apertura d’anno in rosso per gli investimenti pubblicitari digitali. Lo certificano i dati dell’Osservatorio Fcp-Assointernet, rilevati dalla società Reply, che registrano a gennaio 2024 un -2,7%

Crescita significativa per Desktop/tablet

Le analisi in termini di device evidenziano una crescita significativa della voce ‘Desktop/Tablet’ (+3,6%), a
fronte di un decremento del comparto smartphone (-10,6%).
Per quanto concerne la fruizione dei contenuti pubblicitari, l’inizio dell’anno si apre con una forte crescita della componente ‘App’ (+ 22,5%), a fronte di una riduzione della modalità ‘Browsing’ (-4,9%).

Settori merceologici

In riferimento agli andamenti dei settori merceologici, gennaio 2024 evidenzia i buoni riscontri di
Alimentari, Elettrodomestici, Farmaceutici, Gestione Casa e Turismo/Viaggi.

Il commento di Branca, presidente Fcp-Assointernet

“Dopo aver chiuso positivamente lo scorso anno, il primo mese del 2024 registra un andamento lievemente negativo rispetto a un gennaio 2023 particolarmente positivo”, ha rilevato il Presidente Fcp-Assointernet Simone Branca.
“Effettuando però un confronto sul pari periodo 2022, appare comunque evidente lo stato di salute del comparto digital nel nostro Paese grazie a una crescita complessiva pari all’8,9%.
In particolare, viene premiata la progettualità offerta dagli Editori Premium Fcp-Assointernet, mentre tra le differenti tipologie si conferma il comparto video grazie ai formati in stream. In questo inizio anno, che vede l’intera Industry impegnata nell’affrontare i nuovi trend che stanno ridisegnando alcune dinamiche alla base del nostro ecosistema, come Associazione abbiamo intensificato i nostri sforzi per offrire al Mercato un osservatorio autorevole per il monitoraggio degli investimenti digital in Italia e un valido riferimento per Brand, Agenzie e Associazioni per affrontare al meglio le evoluzioni normative e le sfide tecniche che ci aspettano nei prossimi mesi.”