Santanchè: Enit Spa più snella. Sarà vetrina per trovare nuovi mercati

Condividi

“Vogliamo un’agenzia di promozione che sia più snella, più veloce” dato che “ormai i tempi si sono ristretti e, a volte, la politica è ancora appesantita da processi decisionali più lunghi”. Da Berlino, parlando alla Fiera Itb, la ministra del Turismo, Daniela Santanchè, ha sintetizzato così le ragioni che hanno portato all’evoluzione di Enit, deliberata la scorsa settimana, con la creazione di una “Spa in-house

Promozione e ricerca di nuovi mercati

I primi obiettivi delle sue sedi saranno quelli di diventare “vetrina” dell’Italia e trovare “nuovi mercati turistici” che stanno crescendo in Medio Oriente e Asia, ha spiegato Santanchè, indicando tra questi Qatar, Arabia Saudita e l’India.
La nuova società per azioni “potrà mettersi ancora al servizio, e in modo migliore” delle “Regioni, che sono per noi fondamentali perché la squadra-Italia per il turismo è fatta dal Governo ma insieme alle Regioni”, ha detto ancora.

“Un mandato preciso è quello di mettere a punto tutte le sedi dell’Enit all’estero”, ha aggiunto poi a margine della conferenza rispondendo alla domanda su quali saranno i primi passi della società. “Dobbiamo fare bene una ricognizione. Quelle sedi di Enit devono diventare promozione per la nostra nazione” e “una vetrina dell’Italia nel mondo”.