Banca Mediolanum si ritrova a Torino per pensare al ‘domani’

Condividi

All’annuale appuntamento tanti i riferimenti al fondatore Ennio che con lo slogan ‘costruita intorna a te’ e il simbolo del cerchio resta riferimento cruciale anche nella comunicazione dell’istituto finanziario

All’Inalpi Arena di Torino, Banca Mediolanum si è data appuntamento per la sua tradizionale convention annuale.
Un palco da 40 metri, un dispiegamento di forze “tecnico” con 5 registi, 6 autori, oltre 500 persone coinvolte nella produzione, e 60 ore di filmati, alcuni dei numeri che descrivono l’evento, definito dall’ad Massimo Doris “speciale, più di altre volte, soprattutto sul piano emozionale”
A vegliare (fisicamente) sulla scena una stella polare, metaforica rappresentazione del fondaore Ennio Doris, scomparso nel 2021, ma più volte evocato come punto di riferimento dal palco dai figli, Massimo e Sara, presidente della fondazione dell’stituto di credito.

Sara Doris e la ‘stella’

Il film su Ennio Doris

La convention è stata anche l’occasione per mostrare in anteprima alcuni spezzoni del film ‘Ennio Doris. C’è anche domani’, che sarà presentato a Roma l’8 aprile.
Diretto da Giacomo Campiotti, la pellicola si ispira all’omonima autobiografia ‘C’è anche domani’ uscita nel 2014. Prodotto da Movie Magic International e distribuito da Medusa ha come protagonisti Massimo Ghini, nel ruolo di Doris, e Lucrezia Lante della Rovere, in quello della moglie Lina Tombolato.

Nuova campagna di comunicazione

Intanto, sul fronte della comunicazione Mediolanum, ha messo a punto una nuova campagna pubblicitaria, realizzata da Different, per il lancio di Life Planning, nuovo ambiente di lavoro digitale per i family banker. Al via a maggio, lo spot ha per protagonista conferamato l’ad Massimo Doris che si muove in una scacchiera, raccontando l’mportanza di pianificare le mosse per tutelarsi nei propri progetti di vita.