Rai protegge i suoi contenuti dall’AI esercitando la facoltà di “opt out”

Condividi

La protezione dei contenuti dall’intelligenza artificiale arriva sul tavolo del Cda Rai.

Lo segnala una nota di Viale Mazzini, specificando che il board ha affrontato la questione del rapporto con le piattaforme di AI, decidendo di “esercitare la facoltà cosiddetta di opt out”.


In pratica, si spiega, la Rai “proteggerà dunque i propri contenuti, da un lato attraverso l’utilizzo di tecnologie specifiche e dall’altro segnalando esplicitamente con un disclaimer la volontà di Rai – in quanto titolare dei contenuti – di vietarne la riproduzione o l’utilizzo alle piattaforme di Intelligenza artificiale in linea con i principali servizi pubblici europei”.

Il rinnovo del Cda

Nel corso della riunione, è stato inoltre approvato il regolamento per l’elezione del componente del cda espresso dall’assemblea dei dipendenti. Il via libera arriva a pochi giorni di distanza dalla pubblicazione, prevista per il 21 marzo, del bando per la candidature per la scelta dei 4 componenti di competenza parlamentare.

Infine, sono stati forniti aggiornamenti sul Piano Industriale e sul Piano Immobiliare, in particolare sui prossimi passaggi in vista della ristrutturazione della sede di Viale Mazzini a Roma.