XQ the Why of the News

Nasce ‘XQ The News’, informazione per teenagers europei

Condividi

Il portale di informazione XQ the News si rivolge a ragazze e ragazzi dai 14 ai 24 anni. È pubblicato in inglese, spagnolo, portoghese e italiano, con l’obiettivo di fornire una corretta interpretazione delle notizie e contrastare le fake news

È nato un nuovo giornale online, concepito per contrastare la disinformazione e consentire alle ragazze e ragazzi europei di disporre degli strumenti necessari per diventare cittadini critici, digitali e alfabetizzati, impegnati quotidianamente nella interpretazione delle notizie.

XQ the News” è stata co-finanziata dall’Unione Europea con fondi CREA CROSS 2022 JOURPART.

Il progetto si rivolge prioritariamente ai giovani dai 14 ai 24 anni e punta a stabilire legami di cooperazione tra media specializzati nella comunicazione e utenti della fascia giovanile, anche attraverso il coinvolgimento di organizzazioni educative.

I partner

Al portale – racconta Immediapress – lavora un gruppo multidisciplinare di alcune decine di professionisti dell’informazione provenienti da cinque aziende distribuite tra Italia, Portogallo e Spagna:

→ Ediciones Octaedro SL (Spagna), azienda di Barcellona fondata da un folto team di ricercatori e professionisti con l’obiettivo di diventare un punto di riferimento per la qualità dell’editoria in tutte le aree del settore educativo. Dalla didattica Octaedro è poi approdata anche al mondo delle scienze umane, della psicologia, delle scienze sociali, del pensiero filosofico e della creazione letteraria.

→ Fundació periodisme plural (Spagna), promuovendo il giornalismo indipendente, critico e chiaro, questa casa editrice catalana si è imposta nel dibattito pubblico come un laboratorio di sperimentazione di nuove tecnologie con l’obiettivo di spiegare le importanti sfide che si producono nella società. La Fondazione vuole anche essere un canale per la difesa dei valori fondamentali del welfare state, in cui si include l’accesso equo a un’informazione veritiera e plurale.

→ Associação portuguesa de educação ambiental (Portogallo), organizzazione senza scopo di lucro, fondata nel giugno 1990, il cui obiettivo principale è lo sviluppo dell’Educazione Ambientale nell’ambito dell’istruzione formale e non formale.

→ Idea Dinamica (Italia), società cooperativa di giornalisti eclettici e multidisciplinari che hanno come obiettivo far dialogare la massima qualità dell’informazione con l’etica del giornalismo e le nuove tecnologie crossmediali. Casa editrice di: https://www.iltaccoditalia.info/(specializzata in giornalismo investigativo); https://www.comunicazionesanitaria.it/(divulgazione medica e scientifica); https://www.scuolaeamministrazione.it/(tecnica e amministrazione della scuola); https://www.giornaliste.org/(organo del Forum delle Giornaliste del Mediterraneo).

→ Dataninja (Italia), azienda nata da un gruppo di lavoro sui dati, basato in Italia e attivo in Europa dal 2012, che oggi offre percorsi di formazione per la data e media literacy per target diversi e contenuti di data storytelling e data journalism.

Come si struttura

Un comitato di redazione internazionale propone dei contenuti che possano interessare i giovani utenti europei. Gli articoli, i podcast e i video vengono poi pubblicati sul portale in spagnolo, portoghese, italiano e inglese, in modo da includere una parte importante delle lingue ufficiali dell’Unione europea. I contenuti vengono proposti in una versione standard ed una più breve e semplificata; vengono inoltre utilizzate delle metodologie pedagogiche che ne consentano la facile comprensione da parte dei più giovani.

Il progetto si rivolge direttamente ai teenagers ma punta anche a favorire la cooperazione tra i diversi media specializzati nella fascia giovanile attraverso il coinvolgimento delle diverse organizzazioni educative nazionali.

A breve partirà anche un concorso per organizzare lo scambio di studenti tra i diversi Paesi.

Giornalismo, disinformazione e fake news

Si è scelto di puntare sul focus geografico costituito da Italia, Portogallo e Spagna perché si tratta di tre Paesi dell’Europa meridionale il cui comune denominatore, guardando all’informazione, è costituito da un deficit qualitativo per la stampa giovanile, soprattutto se paragonati ad altri paesi dell’UE, come Francia, Germania e Paesi nordici, ricchi di una lunga tradizione di giornalismo per adolescenti e giovani.

Il portale, quindi, intende rilanciare le funzioni del giornalismo rivendicando l’affermazione della libertà di manifestazione del pensiero come diritto democratico. Il giornalismo contribuisce, attraverso l’etica e la deontologia, alla formazione dell’opinione pubblica e può svolgere una funzione educativa e formativa.

Oggi un cambio di paradigma nel mondo del giornalismo minaccia il suo sviluppo lungo queste due direttrici perché, se è vero che negli ultimi anni è notevolmente aumentata la quantità di dati disponibili, anche per effetto dei social media accessibili attraverso gli smartphone, è altrettanto vero che la rete presenta insidie costituite dalle fake news. E sono quest’ultime che più di frequente diventano virali attraverso una serie di condivisioni. In questo modo si alimenta la disinformazione, soprattutto nelle aree in cui si osservano sacche di deficit di alfabetizzazione. Inoltre, si alimenta anche l’incitamento all’odio, in particolare quello razziale o sociale o di genere.

Il contrasto alla disinformazione

L’Unesco usa il termine “infodemia” per riferirsi alla diffusione di una quantità eccessiva di informazioni, talvolta non verificate e dunque non attendibili; anche la Commissione europea, in una Comunicazione pubblicata il 26 aprile 2018, ha presentato un piano d’azione e un piano di autoregolamentazione in cui sono illustrati gli strumenti per contrastare la diffusione di notizie false e l’impatto della disinformazione online in Europa. L’obiettivo è quello di garantire la tutela dei valori europei nei sistemi democratici. Il codice di condotta e la rete di fact-checker che la Commissione propone sono la bussola che orienta anche il portale multilingue XQ.THENEWS.