Microinfluencer, meno follower ma competenze verticali. L’esperta: trasmettono empatia

Condividi

C’erano una volta i profili instagram da milioni di follower: ci sono ancora, ma l’ultima novità dal fronte dell’influencer marketing procede in direzione opposta rispetto a quella a cui eravamo abituati, premiando la qualità rispetto alla quantità delle interazioni.

Si tratta – dice Adnkronos – dei microinfluencer, una realtà in continua ascesa: testimonial, blogger, creator digitali e social reviewer dalle community più contenute, sotto il milione di follower ma capaci di stringere con i propri seguaci un legame più saldo e autentico, basato su contenuti verticali e una comunicazione social più sincera e personale.

“L’era dei microinfluencer inizia a prendere quota nel 2020”, spiega Cristina Lodi, fondatrice di Golden Sabre Agency SRL, agenzia di consulenza strategica con base a Milano, specializzata nel management di atleti e celebrities. “L’esplosione del Covid sposta via via il pubblico dei social network verso profili e contenuti percepiti come più genuini e autentici. Iniziano così a crescere personaggi appartenenti a nicchie particolari, a cui il pubblico associa maggiore empatia e competenza”, aggiunge ancora.

La crescita di Golden Sabre Agency SRL, fondata da Lodi insieme all’amico Aldo Montano al quale si è aggiunto Ignazio Moser, attuale ad, e Nicola Ventola, è la cartina al tornasole di un fenomeno globale: “Nel mercato dei microinfluencer, quello che conta non sono tanto i numeri quanto la qualità dei contenuti” prosegue Lodi.

“È una seconda fase in cui, dopo la sbornia iniziale dei primi anni di vita dei social network, il pubblico percepisce che ha senso lasciarsi ispirare da personaggi con competenze reali nel settore di provenienza: donne e uomini che hanno studiato una certa disciplina e ne sono esponenti autorevoli, dalla bravura riconosciuta, se non addirittura certificata”, aggiunge ancora.

Considerazioni che valgono non solo per il comparto dei microinfluencer, ma anche e soprattutto per gli influencer con più di un milione di follower che costruiscono sempre di più il loro seguito sulla base di competenze sempre più verticali e di valore: ne sono esempio, i profili legati al mondo dello sport, fonte di ispirazione e formazione professionale per molti giovani e nuovi talenti emergenti.

La ‘scuderia’ di Golden Sabre Agency SRL è un saggio della trasformazione in corso nel mondo social che vede crescere profili appartenenti a nicchie più ristrette, mentre arretra il cosiddetto “modello Ferragni”. I talent nel team di Cristina Lodi sono infatti personaggi provenienti dal mondo dello sport come Ignazio Moser, ex ciclista professionista, figlio d’arte del leggendario Francesco e ora personaggio televisivo, o Manuel Bortuzzo, il nuotatore triestino vittima innocente di una sparatoria, costretto dal 2019 su una sedia a rotelle, o ancora Vanessa Villa ex karateka e creatrice del rivoluzionario metodo Fightgently.

Vi sono, inoltre, Megan Ria e Maddalena Svevi, ballerine e talento della Experience Dance Company, percorso di formazione professionale di Naima Academy, già protagoniste di Amici di Maria De Filippi nel 2022 e 2023 e in gara a Pechino Express 2024.