Design Week sostenibile, le proposte di Cucinella e Nicoletta Gatti all’insegna del riuso

Condividi

L’edizione 2024 sarà una Milano Design Week sempre più attenta alla sostenibilità ambientale e sociale. Quasi il 60% dei progetti accolti in palinsesto adotta soluzioni circolari attraverso il riuso di allestimenti e di materiali precedentemente utilizzati.
Inoltre secondo quanto dichiarato dagli operatori in fase di candidatura, il 33% degli spazi e delle installazioni presenti nel palinsesto adotteranno soluzioni per garantire la piena accessibilità alle persone portatrici di disabilità sensoriali e motorie. 

Tra le proposte con al centro il tema del riuso l’architetto Mario Cucinella presenterà il progetto Solferino 28- Città Miniera nello storico cortile del Corriere della Sera. L’installazione all’insegna delle parole circolarità e sostenibilità è realizzata sui temi della società del futuro raccontati da uno skyline di torri luminose che rappresentano la Città Miniera, una “città” costruita con casse della frutta in legno che, dopo la manifestazione, saranno smontate per tornare alla loro funzione originale.
A Piazza San Fedele ci sarà la designer Nicoletta Gatti con il progetto Second Life: 10 alberi caduti durante il nubifragio del luglio 2023 e messi a disposizione dal Comune di Milano sono stati trasformati da 10 designer in totem-sculture d’autore. Al termine dell’esposizione le opere saranno esposte all’ADI Design Museum e successivamente messe all’asta per ripiantare nuovi alberi in città.