Il Clandestino supera L’Isola. Ilary aveva fatto meglio di Vladimir. Bene l’Inter

Condividi

Vince la serata Rai1 – considerate le prestazioni in sovrapposizione – con ‘Il Clandestino’ al 19,57% in vantaggio su ‘L’Isola dei famosi’ al 18,1%. Cala molto, ma conquista il podio ‘Stasera tutto è possibile’. Tra i programmi di approfondimento, buona partenza per le inchieste di ‘100 Minuti’ su La7, appena dietro l’ultima puntata di ‘Presa Diretta’ ma davanti a ‘Quarta Repubblica’. Oltre 1,4 milioni Sky+Dazn per Udinese-Inter

Vittoria di misura de ‘Il Clandestino’ in una serata generalista perfino troppo ricca. Edoardo Leo, Vladimir Luxuria, Alberto Nerazzini e Corrado Formigli. Erano tre gli esordi importanti in prima serata lunedì 8 aprile. Rai1 proponeva la nuova fiction prodotta da IIF che è sembrata una versione pop di ‘Rocco Schiavone’, con Leo solo un po’ meno depresso di Marco Giallini e operante a Milano, e con le periferie metropolitane, quindi, e non la scura Valle d’Aosta sullo sfondo.

Su Canale5 è scesa in campo la nuova edizione de l’‘Isola dei famosi’, con Luxuria alla conduzione e Sonia Bruganelli e Dario Maltese opinionisti. Il reality contava pure su un bouquet di naufraghi ricco di presenze sorprendenti (Valentina Vezzali, Joe Bastianich, Matilde Brandi, Samuel Peron tra gli altri).

Mentre su La7 andava in onda lo spin off di ‘Piazzapulita’, ‘100 minuti’. Ospite del battesimo sulla mala romana Nicola Gratteri, Alberto Nerazzini ha fatto un’inchiesta che partendo dall’omicidio di Diabolik/Piscicelli ha tirato fuori tutti i protagonisti e le comparse del malaffare della capitale e non solo, con un focus a Velletri.

Il programma all’esordio su La7 si è trovato di fronte la concorrenza di genere di ‘Presa Diretta’ e ‘Quarta Repubblica’. Su Rai 3 Riccardo Iacona spiegava come l’idrogeno fosse il tassello mancante nel processo di transizione green.

Nicola Porro, invece, aveva in agenda in primo piano la questione morale del PD, e poi il ricordo di Ennio Doris, la storia della ragazza rom incinta presa a calci dai suoi protettori, l’Islam che entra nelle mense e nelle scuole.

Infine era molto più soft e non omogeneo il confronto tra Rai2 (in pista la seconda puntata di ‘Stasera tutto è possibile’, dopo un esordio boom sopra i due milioni) e Italia 1 (in difesa ed in protezione dell’esordio dell’Isola con il film ‘Giustizia Privata’).

Non bastassero tutte queste novità, su Dazn e su Sky è andata in onda una combattuta Udinese-Inter, ultimo match del turno. Ma vediamo come si sono orientate le scelte del pubblico secondo Auditel.

Leo trainato da Amadeus. L’Isola di Luxuria parte dietro quella di Blasi. Cala molto Step

Su Rai1 l’esordio della fiction ‘Clandestino’ con Edoardo Leo e Fausto Maria Sciarappa nel cast ha conquistato 3.581.000 spettatori ed il 19,6%, senza brillare ma rimanendo in linea in una serata difficilissima con i risultati di altri prodotti omogenei della tv pubblica.

Nel primo episodio Leo ha riscosso 3.998.000 spettatori ed il 19,64% e nel secondo, in discreta flessione, 3.098.000 spettatori ed il 19,5%.

Su Canale5 la prima puntata de ‘L’Isola dei Famosi 18’ con Vladimir Luxuria alla conduzione ha avuto 2.602.000 spettatori con uno share del 20%. L’anno scorso, alle prese con una replica di Montalbano, Ilary Blasi era partita a quota 2.919.000 spettatori ed il 23,3%.

A dovere assegnare la vittoria in serata, vince moralmente il titolo Rai1 – considerate le prestazioni in sovrapposizione – con ‘Il Clandestino’ al 19,57% di share e in vantaggio su ‘L’Isola dei famosi’ al 18,1%. La fiction di Rai1 è stata trainata da un’edizione lunga di ‘Affari Tuoi’, con Amadeus a 5,656 milioni ed il 26,31% che ha raggiunto il primato di ascolti in giornata.

Su Rai 2 è stata inevitabile la flessione per il format guidato da Stefano de Martino. ‘Stasera tutto è possibile’ ha avuto 1.473.000 spettatori con l’8,66% di share. Molto bene si è difesa Italia1. Il film ‘Giustizia privata’ ha convinto 1.248.000 spettatori con il 6,7%. 

Inter a 1,4 milioni Sky+Dazn (stima by Studio Frasi)

Da registrare il bilancio nerazzurro. La vittoria due a uno con l’Udinese ha riscosso 763mila spettatori su Sky e 671mila su Dazn.

Formigli e Nerazzini battono Porro ma non Iacona

Interessante la dinamica degli ascolti dei programmi d’informazione. Ha esordito tutto sommato bene la novità de La7. ‘100 minuti – Roma città aperta’ ha ottenuto 830.000 spettatori ed il 5% di share, in linea con le prestazioni di ‘Piazzapulita’ e battendo chiaramente Porro, ma ‘perdendo’ con il più consolidato marchio di Iacona.

Su Rai 3 ‘Presa Diretta’ ha ottenuto nella presentazione 850.000 spettatori ed il 4% e nel programma 994.000 spettatori ed il 4,84%.

Su Rete 4 ‘Quarta Repubblica’ ha ottenuto 628.000 spettatori ed il 4,23%.