Giampaolo Rossi, Roberto Sergio (Foto LaPresse)

Rai, Sergio: investimenti sport sono impegno centrale; Rossi: enorme sforzo economico ed editoriale

Condividi

“Oggi la presenza dell’azienda qui è significativa, vuole certificare l’importanza del valore dello sport in chiaro e di quanto offerto agli italiani dal servizio pubblico”.

Lo ha detto l’Amministratore delegato della Rai, Roberto Sergio, durante la presentazione in viale Mazzini del palinsesto sportivo della Rai per il 2024 ricco di appuntamenti, a cominciare dalla partita di Europa League Milan-Roma, in programma giovedì sera allo Stadio San Siro, che sarà trasmessa in prima serata su Rai1. Un impegno, quello della Rai, che proseguirà ad essere “un investimento centrale per l’Azienda, si continuerà a seguire tutto ciò che è disponibile sul mercato a condizione gravose ma accettabili”.

Un lavoro che ha già centrato una serie di risultati significativi: dal calcio, che potrà contare sull’Europa League e sugli europei, ai giochi olimpici e paralimpici di Parigi passando per il Giro d’Italia e per il Tour de France. “Nel corso degli anni – ha sottolineato Sergio- abbiamo avuto la possibilità di acquisire diritti sportivi importanti che dimostrano la loro centralità. L’abbiamo fatto attraverso tutti gli eventi olimpici, attraverso gli Europei e con l’acquisizione del calcio in chiaro, una delle cose che ci viene chiesta di più. Già da dopodomani vedremo l’Europa League con la partita Milan-Roma”.

Nell’offerta Rai ci sarà anche “il grande tennis, quindi Sinner e tutti i campioni italiani che vedremo agli Internazionali”. Un’offerta “per far sì che si possano vedere in chiaro tutte queste manifestazioni. Siamo orgogliosi come Rai”, ha concluso Sergio.

Rossi (Rai): enorme sforzo economico ed editoriale

“Voglio rivolgere un ringraziamento di cuore alla Rai perché questa offerta che viene fatta quest’anno è uno sforzo enorme dal punto di vista economico ed editoriale che innalza l’azienda a un ruolo centrale nella narrazione dello sport”. Lo ha detto il direttore generale della Rai, Giampaolo Rossi, durante la presentazione del palinsesto sportivo della Rai. “Ci chiediamo – ha aggiunto – per quale motivo la Rai, al di là della sua funzione di Servizio Pubblico, racconta lo sport. In realtà perché lo sport è un elemento di aggregazione sociale importante, un elemento di identità nazionale molto importante perché unifica questo Paese ma anche perché è legatissimo alla storia Rai”.

“La Rai nasce con lo sport e lo sport viene raccontato per la prima volta con la Rai. Il 3 gennaio 1954, quando Fulvia Colombo fece il primo annuncio della programmazione Rai, il primo programma era il ‘Pomeriggio Sportivo'”, ha ricordato Rossi che ha aggiunto: “La narrazione dello sport è indissolubilmente legata alla Rai, quindi l’impegnoi verso lo sport è un impegno civile legato alla storia di questa Azienda e svolge anche un ruolo costituzionale, visto che da settembre scorso, nell’articolo 33, lo sport è stato inserito come elemento trainante nella formazione ed educazione nel nostro Paese. Il ruolo della Rai rimane centrale”.

Il palinsesto sportivo della RAI “Ovunque, minuto per minuto”

Dall’Europa League alle ATP Finals di fine stagione, passando per gli Internazionali d’Italia di tennis, gli Europei di atletica di Roma e quelli di calcio in Germania, il grande ciclismo con Giro e Tour e, naturalmente, i Giochi Olimpici e Paralimpici di Parigi 2024.

I prossimi mesi saranno ricchissimi di avvenimenti sportivi e la Rai, nel pieno rispetto della propria mission di Servizio Pubblico, sarà impegnata con il massimo delle capacità editoriali e tecnologiche per garantirne la fruizione al più ampio numero possibile di appassionati. Il tutto, visibile, ascoltabile e fruibile, come recita il claim della conferenza stampa di presentazione, “Ovunque, minuto per minuto”: non solo in tv, tanto sulle reti generaliste quanto su Rai Sport Hd, RaiNews 24, rainews.it e Rai Italia, ma anche in radio, su Radio 1 e Radio 1 Sport, e in streaming, live, on demand o attraverso l’app,  su Rai Play e su RaiPlay Sound. Ovunque, appunto.
Dal punto vi vista cronologico i primi appuntamenti saranno i due derby di UEFA Europa League usciti dall’urna di Nyon: giovedì 11 e giovedì 18 aprile, sempre in prima serata su Rai 1, subito dopo il Tg1 delle 20.00, ecco  Milan-Roma e Roma-Milan, un unicum al livello di competizioni europee, viste che le due formazioni non si sno mai affrontate in competizioni al di furoi dei confini nazionali. Il programma di Europa League proseguirà anche con le due semifinali del 2 e del 9 maggio – nelle quali almeno una squadra italiana sarà presente – e, in caso di qualificazione di una formazione italiana (in corsa per il trofeo c’è anche l’Atalanta), anche per la finale di Dublino del 22 maggio.


Un mese, maggio, durante il quale saranno protagonisti anche il tennis e il ciclismo: quasi in contemporanea, infatti, prenderanno il via l’edizione 2024 del Giro d’Italia, sabato 4 alla Reggia di Venaria Reale, appena fuori Torino, e, lunedì 6, gli Internazionali BNL d’Italia, con i match dei primi turni. Il racconto del Giro d’Italia, come sempre, sarà praticamente integrale, con “Prima Diretta”, ovvero i primi chilometri delle 21 frazioni in diretta su Rai Sport HD – che ospiterà anche la rubrica “Giro Mattina, dal Vilaggio di partenza” – e poi, dalle 14.00, su Rai 2, la telecronaca fino alla conclusione, per lasciare subito dopo la linea al “Processo alla Tappa” mentre, in serata, su Rai Sport HD, andranno in onda le altre due rubriche dedicate, “TGiro” e “Giro Notte”.


Il ritorno delle telecamere Rai sul centrale del tennis del Foro Italico, invece, avverrà con il racconto in diretta di un match al giorno – 11 in totale – con sette incontri programmati su uno dei tre canali generalisti (Rai 1, Rai 2 o Rai 3), quattro dei quali in prime time.


Da giugno ad agosto, invece, l’offerta sportiva Rai comprenderà, in successione, atletica, calcio, ancora ciclismo con il Tour de France e Olimpiadi. Gli Europei di Roma di atletica, dal 7 al 12 giugno, saranno trasmessi integralmente su Rai 2, dalle 9.30 alle 13.00 (sessione mattutina) e dalle 18.00 alle 23.00 (sessione pomeridiana/serale), con finestre su Rai Sport Hd in caso di contemporaneità di eventi o negli spazi dedicati all’informazione del Tg2.


Per UEFA Euro 2024, in programma in Germania dal 14 giugno al 14 luglio, il palinsesto Rai sarà composto da venti partite della prima fase (match serali su Rai 1 in prima serata, partite pomeridiane su Rai 2), e poi, tutti su Rai 1, quattro ottavi di finale, i quattro match dei quarti di finale, le due semifinali e la finale.
A partire dalla seconda settimana dell’Europeo di calcio entrerà in scena il Tour de France, la cui partenza, il 29 giugno, avverrà da Firenze. Per la prima volta nella storia, infatti, la Grande Boucle prenderà il via dal nostro Paese, con tre tappe omaggio ai grandi campioni del pedale tricolore: Firenze-Rimini, Bologna-Cesenatico e Piacenza-Torino. Anche il Tour, così come il Giro, “vivrà” praticamente su Rai 2 e Rai Sport HD, con un racconto integrale e con le tre rubriche dedicate, “Tour Replay”, Tour di sera” e “Tour di notte”
E Rai 2, come nelle passate edizioni dei Giochi, sarà la “rete olimpica”, con il racconto live, dalle 7.30 del mattino a mezzanotte, compresa la rubrica serale “Il Circolo degli anelli”, delle Olimpiadi parigine. Non solo: quest’anno, per la prima volta, Rai 2 sarà anche la “rete paralimpica”, con le telcronache in diretta di tutti e dodici i giorni di gara, da mercoledì 28 agosto a domenica 8 settembre.


Infine, ancora tennis, con la fase finale della Coppa Davis, nella quale l’Italia difenderà il titolo conquistato a malaga l’anno scorso, dopo quasi mezz secolo di tentativi infruttuosi, e con le Atp Finals di Torino, che a novembre, dal 10 al 17, metteranno di fronte i migliori otto giocatori del circuito maschile e le migliori otto coppie di doppio.