Top social squadre di calcio. Juve torna leader, Inter complesso Champions

Condividi

Psicologia del tifoso, risultati sportivi e impatto social degli eventi agonistici, in qualche caso percepiti come una ‘ferita’. Vale la pena considerare anche questi discorsi analizzando la classifica di marzo delle squadre italiane attive sulle varie piattaforme. Leader a febbraio, un mese dopo i nerazzurri calano repentinamente al terzo posto. Da dimenticare ci sono i rigori del Wanda Metropolitano…

Social sensibili ai traumi da passione sportiva. Lautaro Martinez ha sparato alle stelle il tiro decisivo e mercoledì 13 marzo la lotteria dei rigori ha fatto fuori l’Inter dagli ottavi della Champions League. Battuta dall’Atletico Madrid, dopo che all’andata a San Siro i nerazzurri avevano vinto per uno a zero e mostrato di valere il passaggio del turno.

Niente di strano così, che dopo un colpo psicologico simile, per un poco ai tifosi e agli appassionati nerazzurri, ma anche alla macchina social del club di Zhang, sia passata la voglia di produrre e condividere contenuti sulle varie piattaforme. E questo nonostante in campionato la marcia della squadra di Simone Inzaghi sia proceduta senza intoppi o battute d’arresto. E con le inseguitrici Milan e Juve che sono rimaste lontanissime dalla vetta in Serie A.

Una spiegazione plausibile

L’insuccesso nella coppa dalle grandi orecchie, con le voci sulla cessione della proprietà della squadra che sono tornate d’attualità, ma forse anche gli attacchi inusitati subiti dalla società – accusata dai tifosi delle squadre avversarie di essere favorita da arbitri e Var come una volta lo era la Juventus – possono entrare in gioco tra le motivazioni che a marzo hanno portato ad un calo sostanzioso delle performance social dell’Inter.

In vetta a febbraio con 38 milioni di interazioni nella top 15 social delle squadre di calcio più ingaggianti stilata da Sensemakers per primaonline.it, il mese successivo i nerazzurri sono improvvidamente riscesi al terzo posto a quota 25,4 milioni, sorpassati dalla Juve (37,1 milioni) ma anche dal Milan (25,6 milioni).

I bianconeri, in sostanza, riconquistano la prima posizione persa nel mese precedente, approfittando non tanto di picchi significativi di engagement, quanto invece del calo significativo dei volumi delle due squadre meneghine, e dell’Inter in particolare.

Interazioni e video views si sono ridotte di circa il 30%, anche a causa del calo dei contenuti pubblicati dai profili social della squadra.

I bianconeri presentano numeri degni della prima posizione: interazioni, come detto, stabili a fronte di video views in crescita (ben 143,6 milioni che si traducono in un +9%) e una media, mai raggiunta da nessun altro club, di oltre 30.000 interazioni a post. L’attività social risulta prevalentemente trainata da Instagram, ma il club bianconero lavora particolarmente bene anche su TikTok, piattaforma che garantisce il 95% delle video views.

Il Milan, per converso, ha riguadagnato una posizione nonostante performance social in leggero calo. La contrazione in termini di video views (a 66,8 milioni, comunque, secondo risultato in termini assoluti), nel caso dei rossoneri, è quasi totalmente imputabile a TikTok (-30%), piattaforma che la squadra presidia in modo particolare.

Giù dal podio la Roma precede il Napoli

Dietro le prime si collocano, nell’ordine, Roma, Napoli (che ha ben 44,9 milioni di video views) e la Nazionale di calcio. Gli Azzurri, in particolare, sorpassano i biancocelesti della Lazio, già attraversata dalla crisi che avrebbe portato alle dimissioni di Maurizio Sarri e l’arrivo di Igor Tudor come trainer. La squadra di Claudio Lotito precipita all’ottavo posto, superata anche dalla Fiorentina, con la top dieci chiusa da Atalanta e Cagliari e in undicesima posizione il Parma, unico club della Serie B presente in graduatoria.

Da registrare che la Nazionale, impegnata nelle amichevoli americane, ha incrementato la sua attività di pubblicazione social (+56% sui contenuti). Le due vittorie, hanno fatto sì che le interazioni si duplicassero e le video views crescessero di circa sei volte.

Le altre squadre in classifica?

Il miracoloso Bologna di Thiago Motta ha perso numerose posizioni a causa di un calo drastico delle interazioni (-73%), in gran parte imputabile ad una diminuzione dei contenuti pubblicati (-55%).

A marzo, inoltre, Verona e Salernitana hanno ceduto il proprio posto in classifica a Monza e Sampdoria. Solo le prime 11, comunque, superano il milione di interazioni, mentre 13 su 15 superano la stessa soglia in termini di visualizzazioni.

Best performing post: Ronaldo, Vlahovic e Chiesa portano i bianconeri in vetta

In casa bianconera il contenuto leader inneggia ancora a Cristiano Ronaldo e supera 3,3 milioni di interazioni su TikTok. Tra i rossoneri sono Goku e Rafa Leao a chiamare a raccolta su Instagram oltre 800mila fan. Mentre, in tema nerazzurri, a ottenere risultati paragonabili a quelli dei cugini il post che ha accompagnato la sfida con l’Atletico in Champions League (listos para hacer come el panadero).

All’interno della classifica dei Best Performing Post quindi la Juve mette in campo, ancora una volta, le prestazioni migliori.
Il contenuto maggiormente performante, come detto, è nuovamente dedicato a CR7, e garantisce pure quasi 30 milioni di video views. Il club bianconero raggiunge i risultati migliori su TikTok, piattaforma che garantisce al team di totalizzare numeri sbalorditivi non solo in termini di interazioni ma anche di visualizzazioni video. Il Milan, invece, ha postato due contenuti performanti su Instagram e l’Inter uno.

Paid partnership, Milan lavora più degli altri

Nel Ranking delle Paid Partnership, con cinque attività di marketing in graduatoria per Facebook e cinque per Instagram, si confermano i soliti equilibri. Il Milan si riconferma la squadra più attiva sul fronte collaborazioni, stavolta davanti alla Juventus e al Napoli in entrambe le piattaforme monitorate. Snaifun è in cima tra i best sponsor rossoneri sia su FB che su Instagram. EA Sports firma per la Juve su entrambe le piattaforme, Msc Crociere e Union Gas e Luce affiancano invece gli azzurri di De Laurentis.

Il numero di contenuti brandizzati diminuisce su Facebook mentre aumenta lievemente su Instagram, cambiamento da tempo atteso dal momento che Instagram garantisce a tutte le squadre il maggior engagement social.

Tra gli sponsor, oltre alle ormai consuete case di videogiochi, quindi, torna Msc Crociere, storico partner del Napoli che nella stagione in corso ha allargato le collaborazioni nel mondo calcio con il Milan, sia sulla maglia (di cui è sleeve sponsor) sia sui social.


NOTA-METODOLOGICA_Squadre-di-Calcio