automobile (Foto di Ville Kaisla su Unsplash)

Classifica marchi auto più citati sui media: Fiat, BMW e Tesla sul podio

Condividi

Classifica mensile dei marchi di autovetture più citati su stampa e web

Come ogni mese Volocom, azienda milanese di monitoraggio e analisi dell’informazione, ha stilato in esclusiva per Primaonline la classifica dei marchi automotive più chiacchierati nel mese di marzo.

Al primo posto, come ormai di consueto troviamo Fiat con 9.287 citazioni, medaglia d’argento per BMW che conquista una posizione rispetto al mese scorso con 7.841 menzioni mentre al terzo posto troviamo Tesla con 7.439 citazioni, precedentemente quarta. Menzione d’onore per Dacia che scala ben otto posizioni piazzandosi al 16esimo posto. Allo stesso modo Hyundai e Skoda che scalano rispettivamente cinque e sei posizioni. Calo di performance per Maserati che perde sei posizioni, scendono anche Ford e Lamborghini, rispettivamente di quattro e tre posizioni. Ora vediamo nel dettaglio quali sono state le notizie relative al podio che hanno maggiormente catalizzato l’attenzione di stampa e web.

La nuova Fiat Multipla si prepara a conquistare il mercato globale: un SUV prodotto in Marocco pronto a sfidare i concorrenti

Fiat si prepara ad affrontare una nuova sfida nel mercato automobilistico con il tanto atteso ritorno della leggendaria Multipla. La notizia sta suscitando un grande interesse da parte della stampa e del web, diventando uno dei temi più discussi del mese di marzo. Il CEO Olivier Francois ha confermato in un podcast con Fedez che il nuovo modello sarà molto diverso dal suo predecessore, abbandonando la forma monovolume (da sempre molto contestata) per abbracciare le linee squadrate di un SUV.

La nuova Fiat Multipla, lunga circa 4,4 metri, sarà prodotta in Marocco, nello stabilimento Stellantis di Kenitra. Questo modello globale è progettato per competere a livello mondiale, non solo in Europa, con rivali del calibro di Dacia Duster, Bigster e la vendutissima Nissan Qashqai.

La Multipla offrirà versioni elettriche a basso costo, oltre a diverse opzioni con motore a combustione. Questo SUV sostituirà la Fiat Tipo nella gamma del produttore torinese. Inoltre, sono stati fatti significativi investimenti nello stabilimento di Kenitra per ampliarne la capacità produttiva e ospitare la produzione della nuova Multipla.

La nuova Fiat Multipla si prepara a essere il fiore all’occhiello dello stabilimento di Kenitra e potrebbe presto essere affiancata da altri nuovi modelli Fiat. La sfida di Fiat a Dacia e ad altri concorrenti è ufficialmente iniziata.

La Fiat 500 Tributo Trepiuno celebra i 20 anni della concept Trepiuno

Il 4 marzo 2004, al Salone dell’Auto di Ginevra, Fiat presentava la concept Trepiuno, ispirata alla 500 del 1957. Questo esemplare, progettato dall’Advanced Design Studio del Centro Stile Fiat, anticipava le forme e i volumi della terza generazione del “cinquino”, uno dei best seller della casa torinese.

Per celebrare i 20 anni dal debutto della concept, Fiat ha annunciato la 500 Tributo Trepiuno, un’edizione dedicata ai collezionisti, realizzata direttamente da Stellantis Heritage in numero limitato nell’ambito del progetto Reloaded By Creators e venduta con certificato di autenticità.

La 500 Tributo Trepiuno sarà prodotta sulla base della attuale 500 Hybrid. La carrozzeria avrà lo stesso colore bianco della concept originale, i fari posteriori con inserto rosso e i loghi con la scritta Fiat su fondo blu. L’abitacolo presenterà sedili anteriori bicolore, con pelle bianca e logo ricamato sugli schienali, mentre il retro e i fianchetti saranno in pelle rosso scuro. Sulla plancia saranno presenti i disegni originali della concept realizzati dallo stesso Roberto Giolito, oggi responsabile di Stellantis Heritage e allora capo dell’Advanced Design.

All’epoca, la mia idea era asciugare qualsiasi forma di decorazione e portare la lettura essenziale della 500“, ricorda Giolito. Il successo della concept esposta a Ginevra superò ogni aspettativa, spingendo il management Fiat a lavorare su un prodotto di serie.

La BMW Neue Klasse X: un SUV elettrico innovativo e sostenibile

Il web e la stampa sono in attesa della Vision Neue Klasse X, un SUV che sarà la prima elettrica di nuova generazione a entrare in produzione nel 2025. Questo nuovo modello segna un ritorno al passato in termini di design.

La filosofia della Neue Klasse X si basa sulla digitalizzazione e sulla circolarità, con l’obiettivo di creare automobili rispettose dell’ambiente sia nella produzione che al termine del loro ciclo di vita. La BMW utilizzerà materiali riciclati e riciclabili, abbinati a tecniche costruttive pensate per facilitare le operazioni di recupero delle materie prime. A bordo, non saranno presenti elementi oil-based e la pelle verrà sostituita da tessuti innovativi.

I modelli BMW Neue Klasse previsti per il lancio nel 2025 saranno dotati di tecnologia per la ricarica bidirezionale, consentendo di immagazzinare elettricità e funzionare come una presa di corrente.

La nuova BMW X2: sportiva, innovativa e anche elettrica

La BMW X2 si appresta a fare il suo debutto, portando con sé un design rinnovato, dimensioni aumentate e un’opzione completamente elettrica. Questa Sports Activity Coupé (SAC) continua a distinguersi nel segmento delle compatte premium, offrendo un abitacolo più spazioso e un bagagliaio capiente.

La variante elettrica BMW iX2 segna un passo importante verso la mobilità sostenibile, con batterie ad alto voltaggio. Il design esterno della nuova X2 si caratterizza per le linee dinamiche, con una lunghezza aumentata di 194 millimetri, una larghezza di 21 millimetri e un’altezza di 64 millimetri rispetto al modello precedente. La produzione della nuova BMW X2 e della BMW iX2 dimostra l’impegno dell’azienda verso processi produttivi flessibili e sostenibili, mentre le batterie ad alto voltaggio prodotte in loco sottolineano la dedizione del gruppo alla mobilità elettrica e alla sostenibilità a 360 gradi.

Tesla Model 2 in arrivo: prodotta in Germania e prezzo accessibile

Elon Musk, CEO di Tesla, ha confermato che la futura Tesla Model 2 sarà prodotta in Germania, presso la Gigafactory di Berlino.

La Tesla Model 2 rappresenta l’ingresso nel segmento delle auto elettriche a prezzi accessibili, con un prezzo di partenza stimato di circa 25.000 euro. Questo nuovo modello segue i successi commerciali della Tesla Model 3 e della Tesla Model Y, ampliando così il pubblico potenziale dei prodotti Tesla.

Inizialmente, si pensava che la Model 2 sarebbe stata prodotta esclusivamente negli Stati Uniti, ma Musk ha confermato durante una visita alla Gigafactory di Berlino che il veicolo sarà prodotto anche in Germania. L’unico veicolo elettrico Tesla attualmente prodotto in Germania è la Tesla Model Y, il popolare SUV elettrico più venduto sia in Spagna che in Germania.

La Tesla Model 2, il cui design potrebbe assomigliare al pickup Tesla Cybertruck, è attesa per aumentare significativamente le vendite di Tesla, consentendo all’azienda di competere in un nuovo segmento di mercato. Mentre la data di lancio ufficiale non è ancora stata annunciata, si prevede che la Model 2 potrebbe raggiungere volumi produttivi adeguati entro il 2027: nemmeno a dirlo, la notizia ha fatto il giro di tutto il web e anche dei giornali.

Tesla Cybertruck pronto per la ricarica induttiva wireless: nuovi connettori rivelano i piani futuri

Il Tesla Cybertruck potrebbe presto supportare la ricarica induttiva wireless, come suggeriscono i nuovi connettori presenti sul pacco batterie del pick-up elettrico. Sebbene in passato Tesla non abbia mostrato grande interesse per questa tecnologia, la situazione sembra essere cambiata.

La casa automobilistica ha sempre creduto che collegare la propria auto per la ricarica non fosse un compito difficile o dispendioso in termini di tempo. Tuttavia, Tesla ha discusso in passato dell’automatizzazione del processo di ricarica e un braccio robotico automatizzato è stato preferito alla ricarica wireless. Tuttavia, la scoperta dei connettori “Inducing Charger headers” sul Cybertruck indica che Tesla sta esplorando la ricarica induttiva wireless. Questa tecnologia consentirebbe ai proprietari di ricaricare i propri veicoli senza dover collegare fisicamente i cavi, un po’ come avviene giù per la ricarica di alcuni smartphone.

Recentemente, Tesla ha presentato una nuova stazione di ricarica wireless per la casa, e il capo progettista Franz Von Holzhausen ha confermato che l’azienda sta lavorando su un pad di ricarica wireless.