Bortone cresce col caso Scurati, ma non batte Gramellini (che lo cavalca)

Condividi

‘Che Sarà’ sfiora il 5% e 900 mila spettatori e fa molto meglio che nelle due settimane precedenti. Ma aiutato anche esso dal caso di attualità, ‘In Altre Parole’ su La7 conquista chiaramente il podio del prime time. Gramellini e Vecchioni hanno letto il testo di Scurati e parlato a lungo della vicenda. Vince la prima serata ‘Amici’ davanti a ‘I Migliori Anni’.

Serena Bortone sul caso Scurati, ma non solo lei. Sparava ieri – sabato 20 aprile – a palle incatenate contro la Rai per la vicenda di censura sul Nove ad ‘Accordi e Disaccordi’ un agguerritissimo Marco Travaglio. E lo faceva anche il concorrente più diretto di ‘Che Sarà’, il più sobrio Massimo Gramellini in onda su La7 con ‘In Altre Parole’.

Serena Bortone

Della storia dello scrittore ‘cassato’ dai vertici di Viale Mazzini, del resto, si era parlato per tutta la giornata in telegiornali, contenitori tv e anche sui social. Così, se non altro, era logico attendersi un buon risultato di audience per il programma di Rai3 condotto dalla coraggiosa Serena Bortone, che aveva scoperchiato il caso di inaccettabile censura della tv pubblica al mattino sulla propria pagina Instagram.

Serena Bortone ha letto il post di Meloni e la replica di Scurati

Gli anti Meloni hanno premiato La7

Cosa dicono in merito i dati Auditel. Partendo in access prime time, il programma della Bortone ha avuto 899.000 spettatori con il 4,9%. Subito con Francesca Fialdini in onda con ‘Le ragazze’ la terza rete è calata a 680.000 spettatori e il 4,1%. ‘Che Sarà’, inoltre, ha fatto meglio dei programmi di genere di access prime time, riscuotendo un bilancio complessivo non del tutto soddisfacente, considerate le premesse, se pero confrontato con quello di ‘In Altre Parole’ che su La7 ha avuto 1.113.000 spettatori con il 6%. Sul Nove, invece, ‘Accordi & Disaccordi’ ha raccolto 446.000 spettatori con il 2,5%. 

Massimo Gramellini ieri

Va detto però che sette giorni prima Su Rai3 ‘CheSarà…’ era stata la scelta di 582.000 spettatori con il 3.4% e due settimane prima era arrivato a 707mila con il 3,9%.

Ha vinto comunque la serata – tornando al prime time – la solita Maria De Filippi, ma con Carlo Conti che ha un po’ accorciato le distanze.

Maria De Filippi

 Su Canale5 ‘Amici’, andando in onda dalle 21.33 alle 24.43, ha raccolto 3.843.000 spettatori con uno share del 25,7%.

Carlo Conti

Su Rai1 ‘I Migliori Anni’, andando in onda dalle 21.35 alle 23.55 ha conseguito 3.064.000 spettatori pari al 18.2% di share. Mentre sul podio è salito, come detto, Gramellini con 1,1 milioni di spettatori.

Roberto Vecchioni

Cosa è successo nel corso della trasmissione di Rai3

Non c’è più alcun dubbio che Antonio Scurati sia stato censurato dalla Rai. Ma Serena Bortone, la conduttrice di ‘Che sarà’, il programma della terza rete che doveva ospitare lo scrittore e che aveva lanciato l’allarme sul caso su Instagram, ieri sera – sabato 20 aprile – ha letto in apertura di programma il monologo sul 25 aprile ‘bocciato’ dai vertici di Viale Mazzini. Cinque minuti circa la durata. In una puntata da lei stessa definita all’insegna “del sentimento del dissenso”.

Trasversale e costante il riferimento a quanto accaduto, con i valori della Liberazione in primo piano. Bortone ha cominciato con Maurizio Landini (“Questa cultura del controllo è pericolosa” ha commentato il sindacalista).

E poi ha proseguito con un dibattito sul caso Scurati e poi sulla libertà/potere delle donne di abortire con Dacia Maraini, Incoronata Boccia, Francesco Specchia, Tonia Mastrobuoni, Tiziana Ferrario.

Gene Gnocchi ha quindi messo in ridicolo l’intuizione del ministro Lollobrigida di consigliare ai ristoratori la presenza del formaggio in ogni menù, mentre nel finale c’è stato il passaggio di Walter Veltroni.

“Le storie – ha detto l’ospite – vanno raccontate tutte intere, la verità va detta senza fare revisionismi e pasticci della memoria: è il fascismo che ha tolto la libertà agli italiani, è il fascismo che ha ucciso Matteotti, Gobetti, i fratelli Rosselli, Gramsci, è il fascismo che ha fatto le leggi razziali, che ha impedito alle donne di votare, che ha trasformato il Parlamento in un luogo in cu si entrava solo con la camicia nera, che ha portato l’Italia in guerra, che ha accompagnato l’occupazione straniera, che ha contribuito alle Fosse Ardeatine, alla razzia del ghetto con la deportazione di 1022 ebrei, che ha sostenuto la banda Koch Via Tasso, questo è stato il fascismo. L’antifascismo ha ridato la libertà agli italiani e la parola antifascismo è una bellissima parola”.

Ha concluso il programma, che a quanto pare non sarà rinnovato nella prossima stagione tv, la cantante Tosca cantando ‘Libertà’ .