L’editoria è tra i settori top spender nella pubblicità digitale a marzo

Condividi

Nel mese di marzo, Il settore che ha investito maggiormente in pubblicità digitale è stata la Distribuzione.

La Distribuzione, che include sia il largo consumo sia la distribuzione specializzata in specifiche categorie di beni, si pone in testa alla classifica con un 11.9% di Share of Voice d’investimento. Retailers e siti di e-commerce (arredamento, elettronica, ecc.) hanno sfruttato l’arrivo della Pasqua per promuovere offerte dedicate.

Questi i dati di Adjinn, multinazionale con expertise in servizi di digital advertising measurement e benchmarking data, presente in 38 Paesi fra cui l’Italia.

Il formato preferito dagli inserzionisti è stato il Display (51%) seguito dal Video (48.5%).

L’acquisto di spazi pubblicitari in Programmatic ha rappresentato nei primi tre mesi dell’anno il 61.4% dell’investimento destinato a questa tipologia rispetto all’acquisto in Direct (38.6,%), consentendo agli inserzionisti di rivolgersi a segmenti specifici pur riducendo il proprio investimento.